Difendiamoci con lo scudo fiscale. Tremonti, "non ora"

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti 20 Marzo 2009 | 15:10
Torna alla ribalta il tema dello scudo fiscale. Dopo le recenti intenzioni espresse da Francia e Germania, anche l’Italia sta valutando questa opportunità. Ma per Giulio Tremonti è ancora troppo presto per vederlo all’opera.

Torna alla ribalta il tema dello scudo fiscale. Tra le possibile vie per ripianare i bilanci statali, resi esangui dalla crisi, si pensa a questa opportunità come arma in più degli Stati europei contro i paradisi fiscali. L’argomento è all’ordine del giorno in Francia e in Germania, dove si stanno valutando misure per consentire un rientro agevolato dei patrimoni detenuti in paesi “non in linea con la normativa tributaria comunemente adottata”, riuscendo così a ottenere un doppio risultato: colpire gli Stati-rifugio sottraendo risorse e rendere disponibile nuova liquidità da immettere nelle attività economiche (vincolando quindi l’utilizzo dei capitali di ritorno). Seguendo questi spunti, secondo quanto riportato da “Il Sole 24 Ore”, anche l’Italia potrebbe associarsi a queste iniziative, ricalcando una politica di emersione già attuata tra il 2001 e il 2003, che aveva permesso di recuperare oltre 80 miliardi di Euro.

Dobbiamo quindi aspettarci l’avvio di un tour de force fiscale? A tal riguardo è stato incalzato dai cronisti il ministro dell’Economia Giulio Tremonti, nel corso di una conferenza stampa al termine del Consiglio europeo. Ebbene, siamo sì in emergenza, ma è ancora tempo di riflessione più che di azione: “E’ troppo presto per parlare di scudo fiscale per favorire il rientro dei capitali nei paradisi fiscali. Non mi stupisce che ci siano dei ragionamenti tecnici, ma è troppo presto per parlarne. Certo, se si definisce un regime nuovo, occorre trovare uno snodo sul vecchio, ma è troppo presto per fare valutazioni».

Tre frasi per un medesimo, chiarissimo, concetto: andiamoci cauti, bisogna riflettere bene sulle inziative da intraprendere. Siamo di fronte a buon senso o a una delle tante mosse di rinvio tipiche del mondo politico? Per ora, non possiamo dare risposta. Il problema però rimane, in quanto molti la pensano come il buon Marcello Marchesi: “Perché denunciare il reddito dopo il bene che vi ha fatto?”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Come guadagnare con lo spread basso

Con la continua diminuzione del differenziale tra Bund e Btp, sembrerebbe che l’Italia stia gu ...

Deutsche Bank FA si consolida all’ombra del Colosseo

La rete dei consulenti finanziari guidata da Silvio Ruggiu inaugura oggi, 3 ottobre 2019 alle 18:30, ...

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Dopo che Unione Europea e Gran Bretagna hanno trovato l’accordo in merito alla Brexit, piovono ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X