Le opportunità nel settore del credito

A
A
A
di Finanza Operativa 22 Gennaio 2018 | 14:00

A cura di Matt Nest, Global Head of Macro Strategies, State Street Global Advisors

Il settore del credito finora ha offerto opportunità interessanti agli investitori. Dall’investment grade all’high yield, dal debito in valuta forte dei mercati emergenti al credito strutturato, i ritorni sono stati molto elevati negli ultimi tre, cinque e otto anni, anche se gli spread attuali dei bond governativi sono estremamente ristretti.

Prendiamo come esempio il segmento high yield. Con gli spread option-adjusted intorno al 3,5% a fine ottobre 2017, gli excess return rispetto ai Treasury sono stati spesso negativi negli 12 mesi precedenti, dimostrando che assumere maggiori rischi a volte non porti a un ritorno ma piuttosto a una penalizzazione. Molti settori del credito si muovono in territori analoghi e quindi, considerando il solo pricing, riteniamo che sia sensato ridurre il rischio per l’anno a venire rispetto al 2017. In ogni caso assistiamo a una serie di fondamentali positivi che possono sostenere le dinamiche di prezzo correnti.

Per prima cosa, abbiamo visto flussi nel credito molto sostenuti perché gli investitori sono ancora alla ricerca di rendimenti più elevati. Secondo, il contesto economico e politico sembra essere ampiamente di supporto. Infine, abbiamo appena attraversato un ciclo di default nei settori energia e healthcare. Meno di due anni fa, gli spread high yield erano oltre l’8%, mentre quelli dei bond investment grade erano saliti oltre il 2%, con livelli di default al 6%. Nonostante il permanere di alcune tracce di questo ciclo, sospettiamo che il peggio sia ormai alle spalle. Infine, con tassi così bassi, le opzioni call sulla maggior parte delle obbligazioni offrono un premio modesto e questo ha diminuito la duration e l’aumento della qualità nell’universo high yield, giustificando uno spread inferiore ai livelli storici.

Il bilancio dei rischi indica che le obbligazioni societarie con rating BBB/BB- rappresentano un punto debole, dato che quelle con rating AA/A pagano troppo poco per preoccuparsi e ci sono ancora trappole in crediti di qualità inferiore. Nell’universo investment grade, le banche e l’energia di alta qualità sono interessanti. La selezione della sicurezza nel segmento high yield è fondamentale, visti anche i cambiamenti strutturali cui stiamo assistendo in molti settori, come ad esempio retail e TMT. Il debito in valuta forte dei mercati emergenti presenta diversi rischi sottostanti, ma può aggiungere un profilo favorevole a un portafoglio multisettoriale. Vediamo alcuni segnali di eccesso nel mercato dei prestiti a leva e i commercial mortgage backed securities (CMBS) con rating BBB sono a rischio di rerating. In breve, consigliamo di essere selettivi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, bond: primario in ripresa. Le nuove emissioni sotto la lente

Asset allocation: la view di Credit Suisse

Mercati, bond condizionati dall’inflazione. Le nuove emissioni sotto la lente

NEWSLETTER
Iscriviti
X