Più fiducia dei Ceo italiani sulla crescita del proprio business e sull’economia mondiale

A
A
A
di Finanza Operativa 23 Gennaio 2018 | 19:00

È record quest’anno per il numero di CEO che a livello globale si dichiara ottimista rispetto all’assetto economico mondiale. Anche in Italia – dove l’analisi pubblicata a gennaio 2017 aveva registrato un calo della fiducia sia sul quadro globale che rispetto ai ricavi delle aziende – i CEO italiani ritrovano un forte ottimismo. È la principale evidenza della 21ª Annual Global CEO Survey di PwC, analisi che fotografa il livello di fiducia nello sviluppo globale e del proprio business di circa 1.300 CEO in 85 paesi – tra cui 112 CEO italiani – presentata oggi alla vigilia del World Economic Forum di Davos.

Ritrovata fiducia verso la crescita globale, italiani tra i più fiduciosi

Il 57% dei CEO a livello mondiale si dichiara fiducioso nella crescita dell’economia globale nei prossimi 12 mesi (quasi il doppio rispetto al 29% dello scorso anno), registrando l’incremento più elevato da quando PwC ha avviato nel 2012 l’analisi circa le attese sulla crescita globale. Questo balzo della fiducia è confermato dai CEO italiani: il 59% ritiene che l’economia globale migliorerà nei prossimi 12 mesi, 23 punti percentuali in più rispetto al dato 2017 del 36%.

L’ottimismo nei confronti della crescita globale è inoltre più che raddoppiato negli USA (59% dei partecipanti) dopo una fase di incertezza prima e dopo le elezioni (2017: 24%). Anche il Brasile ha visto un aumento significativo (+38%) dei CEO nazionali che prevedono un miglioramento in tal senso (l’80% degli intervistati) e anche tra i paesi meno ottimisti, come il Giappone (2018: 38% vs 11% del 2017) e il Regno Unito (2018: 36% vs 17% del 2017), quest’anno la fiducia nella crescita globale è più che raddoppiata.

“L’ottimismo dei CEO nell’economia globale è dovuto alla forza degli indicatori economici. Un atteggiamento che non ci sorprende affatto, considerato il boom dei mercati azionari e la previsione che il PIL andrà a crescere in gran parte dei paesi più importanti al mondo” commenta Bob Moritz, Presidente di PwC.

Nicola Anzivino, Partner di PwC, aggiunge: “Le società italiane stanno chiudendo un buon 2017 e i budget 2018 sono tutti a segno positivo, i CEO italiani sono particolarmente ottimisti sulla crescita internazionale delle loro aziende e gli investimenti in innovazione stanno portando i frutti desiderati. Molti stanno finalmente guardando all’estero anche per acquisizioni e dando vita a JV con partner strategici internazionali, oltre a valutare l’opportunità della quotazione in Borsa. Insomma, un contesto favorevole che finalmente premia il manifatturiero italiano e le società di servizi più innovative del nostro Paese”.

Cresce la fiducia nella crescita a breve termine dei ricavi

Questo ottimismo sul quadro globale deriva dalla fiducia che i CEO ripongono nelle previsioni della propria azienda, malgrado il rialzo non sia così significativo. Il 42% dei CEO si dichiara “molto fiducioso” nelle prospettive di crescita della propria società per i prossimi 12 mesi, rispetto al 38% del 2017.

I CEO italiani sono tra i più fiduciosi sulle prospettive di sviluppo delle aziende: il 90% si dichiara fiducioso o molto fiducioso nella crescita dei propri ricavi nel 2018, rispetto all’86% dell’edizione 2017. Anche guardando ai prossimi tre anni, si registra un sensibile maggiore ottimismo, con il 94% dei CEO italiani positivo circa il trend dei propri ricavi, rispetto al 92% del 2017.

Osservando i risultati per paese, lo scenario è variegato. Le prospettive dei CEO sono migliori in diversi mercati chiave, comprese l’Australia (in aumento del 4%, ora al 46%) e la Cina (+4%, ora al 40%), caratterizzati dall’aumento dei CEO “molto fiduciosi” nelle prospettive di crescita a 12 mesi della propria azienda.

Negli USA, la fiducia dei CEO è risalita. Dopo le tensioni legate alle elezioni dello scorso anno, i primi segnali sulla regolamentazione e la riforma fiscale da parte della nuova amministrazione hanno visto crescere significativamente, dal 39% del 2017 al 52% del 2018, la fiducia nelle prospettive di crescita delle imprese per l’anno a venire.

Nel Regno Unito, con i negoziati Brexit che hanno raggiunto solo di recente dei risultati, il calo della fiducia a breve termine dei business leader non rappresenta una sorpresa (34% nel 2018 contro il 41% del 2017).

Quest’anno i tre settori che mostrano maggiore fiducia nelle proprie prospettive a 12 mesi sono tecnologia (il 48% dei CEO “molto fiducioso”), servizi alle imprese (46%), farmaceutico e scienze naturali (46%), tutti sopra il livello di “molta fiducia” del 42%.

Le strategie per la crescita …

Le strategie per la crescita rimangono sostanzialmente immutate rispetto al sondaggio dello scorso anno: i CEO ricorreranno alla crescita organica (79%), alla riduzione dei costi (62%), alle alleanze strategiche (49%) e ad operazioni di fusione ed acquisizione (42%), con un interesse in crescita anche verso partnership con altre imprese e start-up (33% rispetto al 28% dell’anno passato).

I CEO italiani puntano allo sviluppo attraverso crescita organica (78%), riduzione dei costi (57%) e M&A (30%). I CEO italiani mostrano interesse anche verso le alleanze strategiche e JV (29% dei rispondenti italiani) verso collaborazioni con altre aziende e start-up (13%), anche se in misura inferiore ai dati esteri.

… e i mercati obiettivo: continua la fiducia verso gli USA

La fiducia verso gli USA si consolida: i CEO al di fuori degli USA continuano a considerare questo paese come il mercato che crescerà più di tutti nei prossimi 12 mesi, rafforzando quest’anno il proprio vantaggio sulla Cina (il 46% degli USA contro il 33% della Cina, un aumento del 2% rispetto al 2017). La Germania (20%) rimane al terzo posto, seguita dal Regno Unito (15%), mentre l’India spodesta il Giappone come quinto mercato più attraente per il 2018.

Leggermente diversi i dati dei CEO italiani, che continuano a prediligere come mercati di sbocco la Germania, indicata dal 42% dei rispondenti rispetto al 38% del 2017, gli USA (in netto calo al 36% dal 48% dell’edizione precedente) e la Francia, in crescita al 23% rispetto al 16% del 2017.

“Un vero processo d’internazionalizzazione che vada oltre l’export è un tema chiave per le PMI italiane, la vecchia Europa è in crescita e questo attrae investimenti italiani e gli USA rimangono un mercato chiave per la crescita dimensionale delle nostre imprese” commenta Nicola Anzivino, Partner di PwC.

Organico in aumento, ma i leader temono la disponibilità di talenti digitali

La fiducia nella crescita dei ricavi a breve termine si basa sull’aumento dell’occupazione, con il 54% dei CEO globali che prevede di aumentare l’organico nel 2018 (2017: 52%). Solo il 18% dei CEO prevede un taglio al personale. Anche in Italia quasi il 50% dei CEO prevede un aumento della forza-lavoro in azienda nei prossimi 12 mesi, dato positivo che registra tuttavia un leggero decremento rispetto al 56% del 2017.

Tra i settori caratterizzati, a livello globale, dalla domanda più elevata di nuove risorse troviamo servizi sanitari (71%), tecnologia (70%), servizi alle imprese (67%), comunicazioni (60%), ospitalità e tempo libero (59%).

In merito alle competenze digitali, oltre un quarto (28%) dei CEO a livello globale nutre una profonda preoccupazione rispetto alla disponibilità all’interno del proprio paese, cifra che tocca il 49% in Sudafrica, il 51% in Cina e il 59% in Brasile. Complessivamente, il 22% dei CEO si dichiara estremamente preoccupato per la disponibilità di competenze digitali chiave nell’organico interno, il 27% nel proprio settore industriale e il 23% a livello di leadership.

Anche i CEO italiani sono preoccupati dalla disponibilità di competenze digitali nell’organico interno e dalla possibilità di trovare nuovi talenti digitali in tempi brevi in Italia ed in Europa. Per contribuire ad attrarre e sviluppare il talento digitale necessario ci si affida a strategie fondamentali come investimenti in moderni ambienti lavorativi, programmi di apprendimento e sviluppo e partnership con altri provider.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Zurich Italia, Giuliani sarà il nuovo ceo

Fondi, DPAM: Peter De Coensel proposto come nuovo ad

A Wall Street il lupo non perde il vizio: crollano gli affari, ma schizzano gli stipendi dei Ceo

NEWSLETTER
Iscriviti
X