Le azioni tedesche restano interessanti?

A
A
A
di Finanza Operativa 26 Gennaio 2018 | 18:30

A cura di Deutsche Am
Il Dax sta facendo uno sforzo eroico. Sta cercando di superare gli ostacoli grafici. L’analisi tecnica potrebbe già vedere incombere nuovi record. Tuttavia, non stiamo parlando del Dax che si avvicina di nuovo ai 13.525 punti, superato per la prima volta lo scorso novembre. Invece, stiamo parlando del suo fratello minore, meno conosciuto, il Dax price index che ora si sta trovando di fronte alla resistenza dei 6.388 punti, un livello raggiunto anche lo scorso novembre.
Il più comune Dax è un indicatore delle performance. Viene calcolato sulla base del presupposto che tutti i dividendi vengano reinvestiti. Ciò rende il Dax diverso dagli altri indici azionari mondiali. Aiuta nei raffronti superficiali sui rendimenti, in assenza di correttivi, ogni volta che si guarda il Dax rispetto ai concorrenti stranieri per un periodo di tempo prolungato.
Più lungo è il periodo considerato, maggiore è il divario tra il Dax e il Dax price index. Dopo tutto, i dividendi reinvestiti beneficiano la capitalizzazione.Questo si presenta nei diversi livelli che segneranno i nuovi record. Con poco più di 13.000 punti, il Dax è già superiore del 60% rispetto al livello del Dax nel marzo del 2000.
Al contrario, il Dax price index si sta appena avvicinando ai livelli visti l’ultima volta 18 anni fa. Li sta testando per la terza volta. Questo mette il Dax price index all’incirca in linea con lo Stoxx 600. Al contrario lo S&P 500 da allora è raddoppiato. Naturalmente, questo non è sufficiente per spiegare la nostra attuale preferenza per il Dax rispetto alle azioni statunitensi.
Ci sono altre motivazioni forti indicatori di clima tedesco, il pieno di ordini, l’elevato livello di fiducia tra gli amministratori delegati tedeschi e le valutazioni che sembrano ancora accettabili. Il che ci porta ad un ultimo confronto storico. Rispetto al 2000, le società del Dax hanno guadagnato tre volte tanto nel 2017, e i dividendi sono più che raddoppiati.
dax

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X