Emergenti 2018: value o growth?

A
A
A
di Finanza Operativa 26 Gennaio 2018 | 19:00

A cura di Pictet Am
Negli ultimi cinque anni, nei paesi in via di sviluppo, le azioni value sono sempre rimaste indietro rispetto alle azioni growth, ma la situazione potrebbe presto ribaltarsi. La storia dimostra infatti che le azioni value dei paesi emergenti tendono a sovraperformare quando la crescita reale supera quella dei paesi sviluppati.
Questo è mostrato nella figura sotto, dove il differenziale di performance tra azioni value e growth (linea grigia) segue con costanza l’andamento del differenziale del tasso di crescita reale tra paesi in via di sviluppo e paesi sviluppati (linea verde). L’aumento nel differenziale del PIL evidenziato dall’impennata della linea verde nel 2017 non è stato ancora seguito e raggiunto dalla ripresa delle azioni value dei paesi emergenti.
Em value vs. Em growth, rapporto tra la crescita del pil reale dei mercati emergenti rispetto ai mercati sviluppati
emrrging pictet
Due fattori potrebbero essere in gioco: da un lato la possibilità che gli investitori rimangano scettici sulle prospettive di crescita del PIL dei paesi emergenti, dall’altro la possibilità che la fiducia degli investitori nei titoli tecnologici stia ancora supportando le valutazioni dei titoli growth in questi paesi.
Noi pensiamo che questo stia per cambiare, dal momento che la crescita attesa del PIL dei paesi emergenti è forte e in miglioramento, come precedentemente discusso. Questo accade in un momento in cui le valutazioni delle azioni growth dei paesi emergenti sembrano più che mai eccessive.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: cinque ragioni che rendono appetibili i mercati emergenti

Asset allocation, Messico: attenzione la ripresa perde lo slancio

Asset allocation, emergenti: il rialzo delle commodity è un vantaggio limitato

NEWSLETTER
Iscriviti
X