Smi ad alta volatilità: superati il secondo target al rialzo e il quarto al ribasso

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 31 Gennaio 2018 | 09:30

Candela nera e alta volatilità per il future sullo Smi di marzo 2018 che resta sotto la media mobile. Nel dettaglio, dopo un avvio a 9.338 e un top a 9.402, il derivato è tornato fino a 9.290 punti chiudendo a quota 9.331 punti. La rottura di 9.365 ha così permesso di superare il secondo target a 9.400 punti, e poi il quarto al ribasso a 9.300 con il successivo ritorno al di sotto di 9.360. Intanto lo Stocastico è sotto la trigger e si avvicina all’ipercomprato, mentre la media mobile a 21 passa ora a 9.407 punti e lavora ora da resistenza.
Il future dovrebbe quindi ora provare a recuperare area 9.350 punti. Dal punto di vista operativo il derivato avrebbe spazio di recupero in direzione di 9.365, 9.380 e 9.400; poi 9.415, 9.430 e 9.450; poi 9.465, 9.480 e 9.500 punti. Poi eventualmente 9.515, 9.530 e 9.550 punti. Per contro, con la violazione di 9.330 lo Smi avrebbe primi supporti a 9.315 e 9.300; poi a 9.285, 9.270, 9.250, 9.235, 9.220 e 9.200 punti.  M.M.
Swi20Mar18Daily

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Svizzera: disoccupazione in calo e Borsa in rialzo. Gli Etf sullo Smi

Svizzera, l’indice Smi si conferma un buon rifugio quando sale la volatilità

Svizzera, migliorate le stime su il Pil e disoccupazione

NEWSLETTER
Iscriviti
X