Tesoro, mi costi solo l'1%

A
A
A
Avatar di Fabio Coco 25 Marzo 2009 | 14:45
I nuovi strumenti emessi dal Tesoro per fornire di liquidità le banche, in cambio dei certificati di quest’ultime, avranno un costo annuo di commissione dell’1%.

Tra le iniziative del governo per fornire di liquidità le banche, si segnala la commissione annua dell’1% a carico delle stesse, qualora queste decidessero di scambiare gli speciali titoli che il Tesoro potrà emettere a partire da domani, con le proprie emissioni obbligazionarie (CD). Tutto ciò al fine di rafforzare la patrimonializzazione degli istituti bancari tramite questi collaterali di liquidità.

I CST, ovvero i Certificati di Scambio del Tesoro, non saranno ovviamente destinati ai risparmiatori, scadranno tutti il 30 giugno 2010, ma saranno emessi a seconda  a seconda delle richieste degli istituti creditizi.

Le banche destinatarie di questi strumenti, potranno essere sia italiane che estere, purché presenti sul nostro territorio. A fronte dei CST le banche emetteranno propri speciali certificati di deposito (CD), da consegnare al Ministero dell’Economia e delle Finanze,  con le stesse caratteristiche degli strumenti ricevuti in cambio (importo, data di emissione, cedole…).

La commissione annua, come accennato, sarà fissa per tutti gli enti bancari e pari all’1%. Non sarà, quindi, determinata da uno sconto.

Peraltro, questo tipo di operazione, uno swap tra le banche ed il Tesoro, è stata una delle prime promosse dall’Unione Europea, tra le soluzioni necessarie per ripristinare il mercato del credito e sostenere il mondo delle banche.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ansiogeno Tremonti

Europa, la ricetta di Tremonti

Sale il rendimento dei BOT

NEWSLETTER
Iscriviti
X