Eni, stop a 15,45

A
A
A
di Redazione 26 Marzo 2009 | 10:40
Il petrolio sta dimostrando una rinnovata vivacità nell’ultimo periodo, ed il titolo ENI è riuscito a sfruttare tale elemento mettendo a segno un vivacissimo rimbalzo dai minimi di periodo.

A differenza di altri titoli, che hanno realizzato un vero e proprio spike, movimento a V, Eni è riuscita a violare al rialzo una tipica configurazione rialzista su base daily, anche se il consolidamento è stato molto veloce.

A giovare alle quotazioni è stata anche la notizia che Gazprom farà valere ad inizio aprile l’opzione d’acquisto sul 20% di Gazprom Neft, in assenza del cui esercizio il gruppo energetico italiano sarebbe stato molto probabilmente costretto a tagliare il dividendo. Il grafico del gruppo sta mostrando una notevole forza, sia a livello daily che su base intraday.

E’ oramai veramente vicino il supporto dinamico decrescente di lungo periodo che ora passa in area 16,2 euro, ragion per cui è possibile che l’allungo rallenti, o perlomeno il titolo abbozzi un consolidamento. Per questa ragione un’operatività intorno a questi livelli rischia di essere estremamente pericolosa. Suggeriamo di attendere un’ulteriore accelerazione delle quotazioni in area 16,10 con target prima a 17,5 e poi 18,0. Stop a 15,45.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Petrolio, le previsioni sul prossimo meeting Opec

Ftse Mib, quota 24.000 non è una chimera. Cinque big cap sotto la lente

Eni allunga il passo in scia al petrolio. I prossimi obiettivi tecnici

NEWSLETTER
Iscriviti
X