GLG Partners, i soci si portano lo stipendio a 1 dollaro

A
A
A
di Marco Mairate 27 Marzo 2009 | 12:30
Tempi bui per maxi stipendi e super bonus. Lo sanno bene i tre soci fondatori di GLG Partners, colosso britannico attivo nella gestione long e alternativa, che hanno deciso di rinunciare a benefit e stipendi per superare la crisi.

I tre soci fondatori e top executive di GLG Partners si sono ridotti lo stipendio per il 2009 a un dollaro. Dopo tante parlare di stipendi d’oro e bonus miliardari (eclatante il caso di AIG e dei 200 milioni di dollari distribuiti tra un centinaio di manager) qualcuno sembra credere che la morigeratezza, almeno per qualche mese, sia la linea migliore da seguire.

Noam Gottesmann, Pierre Lagrange, e Manny Roman, co-chief executive con Gottesmann, hanno comunicato la decisione salariale che avrà effetto da aprile fino alla fine dell’anno.

I tre comunque possono dormire sonni tranquilli, essendo ad oggi i  principali azionisti del gruppo quotato alla Borsa di New York e che vale circa 700 milioni di dollari (quotazioni del 26 marzo).

GLG negli ultimi mesi ha sofferto molto a causa del negativo andamento di alcuni fondi hedge, che nono sono riusciti a posizionarsi in modo opportuno nei confronti del crollo degli asset e facendo così perdere miliardi di dollari a livello di patrimonio gestito.

(Nel grafico sotto l’andamento delle masse gestite da GLG. Fonte: GLG Partners)

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Prima soluzione blockchain per il mercato assicurativo corporate italiano

Nuove nomine ai vertici dei colossi finanziari europei e americani

Hsbc: Tucker valuta candidati interni ed esterni per succedere a Gulliver come Ceo

NEWSLETTER
Iscriviti
X