Fassino rinuncia per "raddoppiare"

A
A
A
di Redazione 27 Marzo 2009 | 14:30
Piero Fassino, sobrio e sabaudo, sta raccogliendo più consensi di quanto si possa pensare. Difficilmente si presenterà alla europee. Piero così diventerà un battitore libero e un possibile candidato alla segreteria.

I sondaggi, che Silvio Berlusconi mangia a merenda come tartine imburrate, raccontano di un Pdl al 40% con la Lega attorno, se non sopra, al 10%. Dall’altra parte il Pd viene dato al 25%. Ammesso e non concesso che l’Idv di Di Pietro riesca a sfiorare il 10%, sarà sempre un 50% abbondante contro un 35% scarso. Una Waterloo (anzi, una Walterloo) in piena regola.

Senza contare che Rutelli e i teodem potrebbero il giorno dopo abbandonare il Pd proprio per l’antico dibattito della collocazione europea del gruppo a Strasburgo (nel Ppe o nel Pse?). Per non essere travolti dalla disfatta, alcuni capibastone del Pd (lo stesso Franceschini, D’Alema e Franco Marini) stanno pensando di far slittare ancora il congresso previsto per ottobre. Chi non ci sta è Piero Fassino, ex segretario della riscossa dei Ds, che dalla disfatta del primo governo (tribolatissimo) del centrosinistra (Prodi-D’Alema-Amato) è riuscito a riportare i Ds al governo con il secondo Prodi.

Fassino, sobrio e sabaudo, sta raccogliendo più consensi di quanto si possa pensare. Difficilmente si presenterà alla europee in quanto è stato il primo a porre il problema della collocazione a Strasburgo del gruppo Pd dando anche la risposta perentoria: “possiamo stare solo nel Pse”. Piero così diventerà un battitore libero e un possibile candidato alla segreteria. Dal Piemonte e dalla Toscana sono già arrivati i primi consensi: l’asse con Franceschini è forte ma non esclusivo. L’idea è di fare il perno centrale dei democratici della prima ora, di quelli che hanno sposato il progetto nel suo candore iniziale. Tanti saluti  ai litigiosi come i rutelliani, stiano buoni al loro posto i dalemiani che ormai non ne azzeccano più una e avanti con il segretario della ricostruzione. Fassino ha resuscitato i Ds, può riprovare a risuscitare il Pd. Insomma Piero potrebbe lasciare (l’Europa) per raddoppiare (in Italia).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X