I mercati “sono come una scatola di cioccolatini non sai ma cosa ti capita”

A
A
A
di Finanza Operativa 22 Febbraio 2018 | 18:30

A cura di Aqa Capital

Anche i mercati, come diceva Forrest Gump, “sono come una scatola di cioccolatini, non sai mai cosa ti capita”. Le settimane scorse, l’ottimo dato Usa sull’occupazione aveva fatto tremare le piazze finanziarie. La lettura è stata immediata: la Fed non potrà più rimandare il rialzo dei tassi di interesse. La volatilità si è impennata come non aveva fatto mai, e le Borse sono crollate. Dopo mesi di record per i principali indici mondiali, il sentiment comune era l’arrivo ineluttabile della correzione.

Certo il cioccolatino che si era pescato, nonostante i dolci dati macro, non era piaciuto. Poi settimana scorsa, sempre dalla scatola de i dati macro Usa, è stato preso e scartato un altro cioccolatino: l’inflazione. A gennaio l’indice dei prezzi in Usa è cresciuto del 2,1%, sopra le attese che suggerivano un assestamento all’1,9%. Al contrario delle previsioni, i mercati non hanno reagito vendendo azioni e bond, ma hanno mostrato una forza che solo la settimana precedente non avevano trovato.

Il recente calo è servito a recuperare energie, anche se il collegamento inflazione rialzo dei tassi è anche più stretto di quello tra occupazione e politiche monetarie. Per capire quanta strada hanno fatto i mercati bisogna guardare le scarpe, da lì si comprendono tante cose: il terreno su cui si è marciato, se si è consuma ta troppo una parte della suola o si è procede stabili sull’intera pianta, se si è solo camminato o si è corso, e soprattutto, di questo passo, per quanto tempo ancora le nostre scarpe reggeranno? Il primo dato che si scorge è che i mercati hanno corso, non hanno camminato e ora, per timore, hanno provato a frenare di colpo. La suola è solida, imbottita di liquidità e gel messo dalle banche centrali, assomigliano più a scarpe da ginnastica. Sono nate per correre, ma, attenzione agli scossoni, potrebbero non rilevarsi ottimali per tutti i terreni. La suola è ancora spessa e a rivelarlo è l’analisi dei numeri.

Dopo lo scossone, i mercati sono andati a guardare i fondamentali e, anche a questi prezzi, vi sono moltissime società Usa, e uropee e cinesi che hanno compensato il forte rialzo delle quotazioni, con importanti espansione degli utili. Il risultato è che, per molte società, i multipli non sono così stratosferici. Dopo la caduta, le valutazioni azionarie si sono riportate su valori più accettabili: il rapporto prezzo sugli utili a 12 mesi per l’indice S&P500 è passato da 18,5 a 17 (livello di novembre 2016 nel momento della vittoria di Trump) mentre per l’Europa ci attestiamo su 13,5 volte (stesso livello del primo trimestre 2015 quando Draghi ha iniziato il QE). Questa, però, è solo una parte della storia, quella di Forrest Gump ripercorre l’America, dal Ku Klux Klan, alla guerra del Vietnam, fino al boom economico, agli hi pp y alle tensioni raziali. Forrest emerge nonostante o, proprio, per i suoi limiti. Non si è mai fermat o, non ha mai seguito questa o quella ideologia, forse, non avrebbe potuto. Eppure ne esce sempre a testa alta da eroe. Alle sue gesta, la gente attribuisce i più nobili significat i, come per la sua lunga marcia in tutta gli Usa.

Ecco, quando i mercati iniziano a essere in stabili attribuiamo molteplici significati, costruiamo teorie su teorie. L’unica soluzione, invece, non è inseguire le ideologie, ma continuare a correre, a leggere i bilanci, a scrutare le società. Senza farci t roppo distrarre dai rumori di fondo. Possiamo leggere ciò che vogliamo dai dati macro, possiamo scommettere sulle reazioni delle banche centrali. Ma una cosa è certa: l’economia mondiale corre, se gli utili di alcune società galoppano di pari passo signifi ca che non le stiamo comprando a caro prezzo.

Dobbiamo, però, selezionare con cura i titoli che stanno cavalcando il momentum e quelli che invece perdono il passo. Per i tech Usa e per oltre società cinesi, la corsa delle quotazioni si è accompagnata a qu ella degli utili. Non si può dire lo stesso per molte altre aziende meccaniche o chimiche o alcune legate alle materie prime. Sul fronte bond e valute, il deprezzamento del dollaro e dei Treasury sta offrendo rendimenti davvero interessanti. I mercati sono come una scatola di cioccolatini non sai ma cosa ti capita, ma per certo sappiamo che dobbiamo continuare correre.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Recovery fund, “l’attimo fuggente” per i paesi europei

“Creature dal cielo”, il film che Boris Johnson non ha mai visto…

In cerca di “vittoria a ogni costo”: per i mercati è “L’ora più buia”

NEWSLETTER
Iscriviti
X