Anche i ricchi piangono: ora è il turno di Lloyd Blankfein

A
A
A
Avatar di Eliana Pelucchi 31 Marzo 2009 | 15:00
La crisi colpisce i top manager della Grande Mela, senza risparmiare proprio nessuno. Il numero uno di Goldman Sacks, Lloyd Blankfein, ha aperto il 2009 con una riduzione di stipendio a doppia cifra: oltre il 98% in meno dell’anno precedente. Tempi veramente duri aspettano i big di Wall Street.

Se l’anno scorso i super manager erano tra i più pagati al mondo, con la nuova luna anche loro hanno dovuto fare i conti con il crack finanziario globale. La crisi economica ha colpito, infatti, anche i big di Wall Street, come nel caso del ceo di Goldman Sachs, a cui è stato tagliato lo stipendio del 98,4%, dopo che le banche d’affari hanno fatto fronte alle pesanti svalutazioni e alle perdite dovute agli investimenti in asset tossici.

Lloyd Blankfein ha guadagnato nel 2008 “solamente” 1,1 milioni di dollari, contro i 70,3 milioni dell’anno precedente. Dopo aver rinunciato, insieme ad altri sei top manager, a incassare bonus e stock option, il numero uno di Goldman si è visto anche ridurre sensibilmente lo stipendio. Per lui solo 600 mila dollari, rimpolpati con circa 280 mila di titoli garantiti negli anni precedenti e 160 per le spesucce di tutti i giorni.  

Goldman ha ricevuto a ottobre scorso 10 miliardi di dollari dal governo americano grazie al Tarp, il programma di sostegno varato dopo la tempesta finanziaria che prescrive limiti ai compensi del management. In questo piano è stato coinvolto anche il malcapitato Blankfein, che quest’anno dovrà sicuramente stringere un po’ la cinghia se non vuole andare a fere compagnia a tutti i suoi colleghi ora a spasso per le vie di Manhattan. Siamo sicuri però che il suo amico, nonché ministro del Tesoro, Henry Paulson, troverà nel caso un modo per tirarlo fuori dai guai.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali, i conti conquistano gli analisti

Certificati, nuovi Callable Cash Collect per GS

Goldman Sachs, nuovi certificati Fixed Cash Collect sul Sedex

NEWSLETTER
Iscriviti
X