Alluminio alle prese con i dazi Usa. Gli effetti sulla commodity e su Alcoa

A
A
A
di Finanza Operativa 27 Febbraio 2018 | 12:00

Il Governo degli Stati Uniti ha imposto un dazio sulle importazioni di alluminio pari al 7,7%, che colpirà tutti i prodotti dal metallo primario a piani, fogli e tubi, con la sola eccezione di rottami e polveri. Inoltre, per volere di Trump e del suo entourage, sarà a breve introdotto un sistema per limitare il quantitativo complessivo importato all’86,7% rispetto al totale del 2017, in modo da incentivare il riavvio delle fonderie statunitensi e incrementando la produzione domestica fino a 500mila tonnellate.

Analisi tecnica alluminio In questo scenario, al London Metal Exchange, il future sull’alluminio conferma per ora la tenuta del livello di supporto dinamico, rappresentato della media mobile a 21 giorni in area 2.150 dollari per tonnellata.  Un movimento che favorisce un recupero dei corsi con primi obiettivi in zona 2.200/2.230 dollari. Per contro, l’eventuale cedimento di 2.150 innescherebbe una nuova discesa delle quotazioni verso la soglia tecnica e psicologia dei 2.000 dollari.

Analisi tecnica Alcoa Il titolo Alcoa, big one dell’alluminio made in Usa, resta per ora in trading range nell’area compresa tra i 45,50 e i 50 dollari. Quindi, solo l’eventuale conferma del superamento della resistenza a quota 50 favorirebbe l’inizio di un credibile uptrend.     G.R.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Alluminio, scioperi in Australia e dazi Usa fanno balzare i prezzi. Gli Etc a Piazza Affari

Come sfruttare il rialzo delle quotazioni dei metali industriali

Dow oltre il muro dei 20.000 punti in scia ai risultati di Alcoa

NEWSLETTER
Iscriviti
X