Certificati, le “occasioni” di WeOptions.com

A
A
A
di Finanza Operativa 5 Marzo 2018 | 17:30

 A cura di WeOptions.com

Non è l’ultima promozione del noto conto deposito. Non c’è necessità di aprire qualche nuovo conto corrente con obbligo di accreditare stipendio o pensione. Non bisogna vincolare il capitale in qualche polizza con annessa gestione separata. Per poter beneficiare di similar guadagno (plusvalenza) è sufficiente muoversi sul mercato dei certificates con un minimo di propensione al rischio.
In settimana, l’attento screening del mercato, ha offerto questa occasione:

  • Sottostante: Indice Eurostoxx Banks
  • Emittente: Banca Aletti
  • Cedola Annule: 9% con trigger cedola al 60% dal valore strike
  • Isin: IT0004952948

Come funziona Il certificato con data di scadenza 17.08.2018, rimborserà un importo fisso di 100 euro + un coupon del 9% se, in corrispondenza di questa data finale il sottostante Indice settoriale Eurostoxx Banks non si presenterà all’appello sotto il livello posto al  60% del valore iniziale – strike, rilevato il 30.08.2013 a quota 116,37.
In sostanza l’Eurostoxx Banks dovrebbe  quotare sopra il livello della Barriera a quota 69,82 in corrispondenza della data di valorizzazione finale per avere garantito il coupon finale del 9%, ovvero non perdere oltre il 46 % dalle quotazioni attuali di 130,19 (chiusura del 2 marzo 2018).

Nell’ottava appena trascorsa il prezzo ask del certificato quotava poco sotto 108, c’è tuttavia chi si è messo in bid ed è stato servito senza grosse difficoltà anche a 106,65: considerando il rimborso a 109, il gain pianificato è del 2,2% in poco meno di 6 mesi, ovvero il 4,4% annualizzato. Evidentemente qualcuno sta liquidando in anticipo, rinunciando ad ulteriori potenziali guadagni, nel timore di andare incontro a grosse perdite? Ricordiamo che lo strumento garantisce il rimborso a quota 100 fino a  69,82 del sottostante: se l’indice dovesse crollare sotto questo livello anche il certificato si indicizzerebbe, concretizzando una perdita importante.
Benvenuta volatilità! E’ in queste situazioni che i seguaci del pensiero talebiano vengono fuori e così presi dai loro pensieri quant, liquidano le posizioni. In fondo come dargli torto? La frequenza o probabilità della perdita è, di per sé, totalmente irrilevante: deve essere analizzata in relazione alla grandezza dell’esito.
Meno male che nel corso del tempo al signor Taleb è stata data una risposta, per es. dal nostro Bruno De Finetti,  il più grande matematico  e statistico italiano del secolo scorso:  si deve smettere di considerare la probabilità come l’etichetta di un evento, ma piuttosto come un cartello indicatore o una nuvola di possibilità relative a quell’evento costruita sulla base delle informazioni dell’osservatore; allora è chiaro che gli eventi sono rari o rarissimi in base  alle nostre conoscenze, alla nostra comprensione dei fenomeni (e dei mercati).

Certo, se si è tranquillizzati dall’ impressione di poter controllare personalmente la situazione attraverso strategie super-coperte, software, greche, metodi Montecarlo e quant’altro allora i certificati non sono gli strumenti adatti (vedasi il warning sotto) ma non dovrebbero esserlo nemmeno i conti deposito (vedasi il salvataggio di Ing Group del 2008 da parte dello stato olandese).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Anima Holding, Equita lima le stime e il titolo perde terreno

Certificati, nuovo protoddo su Eurostoxx 50 per B. Aletti

Tripletta sul Sedex per Banca Aletti

NEWSLETTER
Iscriviti
X