Usa in bilico tra stimoli fiscali e deficit

A
A
A
di Finanza Operativa 6 Marzo 2018 | 15:30

A cura di Deutsche AM

A caval donato non si guarda in bocca. È così che i mercati azionari hanno brindato ai tagli delle tasse negli Usa, a cavallo tra la fine del 2017 e il 2018. Adesso, sembra che nessuno sia più preoccupato dei molti difetti che allarmavano alcune società  prima che venissero effettuati i tagli. Una cosa è ormai chiara: in termini di utili societari, è valsa la pena aspettare. Per lo S&P 500, in generale ci aspettiamo un aumento degli utili del 7% per il 2018, presupponendo che un quarto del risparmio fiscale venga prima o poi trasferito su dipendenti e consumatori.

Valutare l’impatto a lungo termine è più difficile. “Al di là dei periodi di guerra, è praticamente senza precedenti vedere un aumento del deficit di questa portata in un momento in cui l’economia è vicina alla piena occupazione e cresce al di sopra del suo potenziale”, osserva Josh Feinman, U.S. Chief Economist di Deutsche AM. Normalmente, in queste circostanze economiche il deficit federale si riduce; questo è vero in gran parte di questo ciclo economico, dal momento che il disavanzo è sceso dal 9,8% del PIL nell’anno fiscale 2009 (dopo la Grande recessione) al 2,4% nell’anno fiscale 2015. Ma poi, stranamente, ha ripreso a salire, fino al 3,2% e 3,5% nei due anni successivi, poiché le entrate avevano deluso un po’, il contenimento della spesa si era allentato e le pressioni a più lungo termine per agevolazioni e aspetti demografici hanno continuato a crescere.

Alla luce dei recenti cambiamenti fiscali, ci aspettiamo che il deficit federale quest’anno salga al 4,25% del PIL e al 4,75% nell’anno fiscale 2019. Questo accadrà quando la legge recentemente varata entrerà in vigore e, ovviamente, le sfide fiscali a lungo termine, in termini di spesa sociale, rimarrà irrisolta.

Niente di tutto ciò fa pensare che si possa verificare in tempi brevi una sorta di possibile crisi fiscale o resa dei conti. Questi gravi avvertimenti si verificano raramente in paesi che possono contrarre prestiti nella propria valuta.

Il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan era solito scherzare: “Non sono preoccupato per il deficit, è abbastanza grande da badare a se stesso”. Il vero problema è meno coinvolgente, anche banale. Più un governo durante i periodi di piena occupazione prende a prestito, meno saranno le risorse disponibili per altre cose tese a potenziare la produttività. I tassi di interesse aumentano e la crescita del capitale sociale della nazione rallenta. E tutto ciò limita la possibilità di stimoli fiscali durante le prossime fasi recessive.

Fed deficit

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Eurozona, la ripresa è già finita mentre tornano i lockdown

Mazziero Research: “Italia, situazione tranquilla di un Paese in affanno”

Confindustria resta scettica su prospettive crescita Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X