Quanto costa comprare casa, Italia e capitali estere a confronto

A
A
A
di Finanza Operativa 7 Marzo 2018 | 12:00

Comprare casa è una delle spese maggiori che le famiglie italiane, e non solo, devono sostenere. L’Ufficio Studi Tecnocasa ha messo a confronto i prezzi al mq degli immobili situati nelle città europee più rappresentative (dove il gruppo è presente), ovvero Italia, Spagna, Ungheria e Polonia. Roma svetta superando i 3 mila euro al mq, mentre Cracovia vede valori medi intorno a 1.600 euro al mq.

Nazione Città Prezzi euro al mq
Spagna Madrid 1.970
Spagna Barcellona 2.750
Ungheria Budapest 2.000
Italia Milano 2.800
Italia Roma 3.050
Polonia Cracovia 1.600
Polonia Varsavia 1.900

Grazie alla collaborazione con l’Ufficio Studi Tecnocasa spagnolo, è stato possibile ricavare anche il numero di annualità di stipendio necessarie per comprare casa. Si è presa come riferimento un’abitazione di 80-90 mq e si è supposto che tutto il reddito fosse destinato al suo acquisto. Dai dati si evince che la città in cui l’acquisto della casa è più conveniente è Madrid, dove sono 6,4 le annualità necessarie, che salgono a 9,9 a Barcellona. Il gap Milano-Roma è invece decisamente inferiore: nel capoluogo lombardo servono poco più di 9 annualità, mentre nella Capitale si arriva a 10.

Nazione Città Anni acquisto casa
Spagna Madrid 6,4
Spagna Barcellona 9,9
Italia Milano 9,3
Italia Roma 10

L’analisi condotta dall’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa si basa sui dati relativi al prezzo al metro quadro di un immobile medio usato, raccolti dalle agenzie affiliate Tecnocasa e Tecnorete delle grandi città e riferiti al primo semestre 2017, e sulle retribuzioni contrattuali annue di cassa per dipendente (al netto dei dirigenti) a tempo pieno per attività economica e contratto, al lordo delle trattenute fiscali e previdenziali. Si è inoltre ipotizzato che il reddito fosse destinato interamente all’acquisto di un’abitazione di 80-90 mq. In questa analisi il valore finale della retribuzione è stato ottenuto da una stima.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fugnoli (kairos): “Una pausa, non un’inversione di tendenza”

IR Top, The City of London e UK Trade & Investment insieme per l’internazionalizzazione delle aziende italiane

Voluntary disclosure, forfait solo per l’estero

NEWSLETTER
Iscriviti
X