Dividendo, una “promessa” per difendersi

A
A
A
di Finanza Operativa 27 Marzo 2018 | 16:30

A cura di Morningstar
Bilanci robusti e capacità di mantere le promesse. Sono queste, spiegano gli analisti di Morningstar, le caratteristiche che piacciono agli investitori quando cercano società in grado di distribuire dividendi. “I manager di queste aziende devono avere un’idea piuttosto precisa dei flussi di cassa futuri se vogliono impegnarsi con il mercato sullo stacco delle cedole”, spiega Dan Lefkovitz, strategist di Morningstar. “Una volta che hanno promesso di distribuire dei dividendi, non possono rimangiarsi la parola. Il mercato di solito punisce la riduzione di una cedola o la sua cancellazione perché interpreta entrambi i fatti come segnali di problemi di bilancio”.
Le strategie dividend yield vanno a caccia di società i cui cash flow si trasformano in payout in crescita. Caratteristiche che si trovano, ad esempio, nelle aziende raccolte nell’indice Morningstar Us Dividend Growth. La selezione delle società che entrano nel basket prevede diversi passaggi. Prima si cercano le imprese che staccano la cedola. Poi si eliminano quelle che non hanno avuto un dividendo crescente negli ultimi cinque anni. Quelle che restano devono godere del consensus positivo da parte degli analisti.
L’universo così ottenuto viene ulteriormente scremato, eliminando il 10% di società che pagano i dividendi più alti (e che, quindi, sono più a rischio di tagliarli in futuro). L’insieme finale è formato da imprese che hanno in corso programmi di riacquisto di azioni proprie e un buon track record di dividendi in crescita.
A cosa serve il dividendo
“Gli investitori devono mettere questo tipo di strategia nella giusta prospettiva”, avverte però Lefkovitz che ricorda come l’indice attualmente dia un rendimento (in dollari) del 2%, appena superiore a quello del mercato Usa nel suo complesso.
Indice Morningstar US Dividend Growth
divi
Ma allora perché un investitore dovrebbe orientarsi verso le società che staccano cedole generose? “Può fare la differenza quando si parla di preservare il capitale”, risponde Lefkovitz. “Avere in portafoglio società che pagano un dividendo in maniera regolare può aiutare a contrastare l’erosione della ricchezza prodotto, ad esempio, dall’aumento dell’inflazione”.
Nella tabella sotto sono elencate le 10 società dell’indice Morningstar US Dividend Growth con le valutazioni più interessanti in termini di rapporto Price/fair value.
10 titoli ad titoli alto dividendo
divi1

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Raccomandazioni di Borsa: i Buy di oggi da Anima a Unidata

Investimenti: i titoli value non sono solo tra energitici e banche

Raccomandazioni di Borsa: i Buy degli analisti da Acea a Webuild

NEWSLETTER
Iscriviti
X