Generali, primo assicuratore straniero in Cina

A
A
A
Avatar di Redazione 15 Aprile 2009 | 15:22
Generali, punta sul mercato cinese e finalizza l’accordo con CNPC per il 51% di Generali China Life, una mossa che porta il leone triestino a diventare il primo assicuratore vita straniero in Cina. Intanto ancora rosso per UBS, anche se la Wealth Management Americas ha registrato un nuovo afflusso di fondi.

Mercati finanziari guidati dall’incertezza quelli di oggi, con Piazza Affari che vede l’S&P Mib muoversi intorno alla parità. Vendite decise invece per il comparto banche, con le due Big Bank italiane, [s]UniCredit[/s] e [s]Intesa Sanpaolo[/s], che perdono il punto percentuale.

Dopo i rialzi delle scorse sedute, spinti dagli ottimi risultati dell’americana [s]Goldman Sachs[/s], stamani UBS ha fatto ritornare l’incubo perdite. La prima banca elvetica ha infatti comunicato di attendersi una perdita di 2 miliardi di franchi sul primo quarter 2009. Perdite che deriverebbero da posizioni illiquide, per altro già note, secondo la stessa UBS.
Ma a far preoccupare gli addetti ai lavori sono anche i deflussi di fondi, che nei primi tre mesi hanno toccato i 23 miliardi di franchi. Interessante anche il dato proveniente dal mercato americano, che, a differenza delle attese, ha visto la divisione Wealth Management Americas raccogliere circa 16 miliardi.  Come rimedio alle perdite, il board di UBS ha comunicato che procederà ad un ridimensionamento delle divisioni, al fine di ottenere un risparmio di quasi 4 miliardi di franchi. E la prima misura che adotterà UBS sarà quella di procedere con una riduzione dei posti di lavoro. Secondo Oswald Grubel, numero uno di Unione Banche Svizzere, il taglio potrebbe riguadare circa 8700 operatori della banca elvetica.

Operazioni cinesi invece per Generali. Il leone triestino ha infatti comunicato di aver chiuso un accordo con la [s]CNPC[/s], [s]China National Petroleum Corporation[/s], ottenendo un opzione irrevocabile per salire al 51% di [s]Generali China Life[/s], appena la legge locale lo permetterà. Un’operazione che porta cosi il gruppo di [p]Antoine Bernheim[/p] a diventare il primo assicuratore vita in Cina.
La Generali China Life ha infatti chiuso i primi due mesi del 2009 in crescendo, 155 milioni di euro di raccolta ed un incremento di ben il 122% sul dato di febbraio 2008. Una performance che di fatto porta la GCL a occupare il 21.2% della quota di mercato cinese.
Lo stesso [p]Sergio Balbinot[/p], amministratore delegato del Gruppo Generali, ha fatto sapere a riguardo che: “Sono molto soddisfatto di questo risultato che ribadisce la validità del nostro impegno in quest’area e che ci conferma ancora una volta protagonisti della scena assicurativa cinese. La grande attenzione rivolta al mercato e l’assoluta condivisione di obiettivi e priorità strategiche con il Partner ci hanno permesso di reagire prontamente alle mutate esigenze di un mercato estremamente dinamico. Sono convinto che il mercato cinese riserverà ulteriori prospettive di crescita sotto la spinta dell’attenzione rivolta agli aspetti previdenziali sia da parte delle istituzioni governative che dei cittadini”.
Dal 2002, anno in cui è stato costituita Generali China Life in Joint Venture tra la stessa Generali e CNPC, la società si è sviluppata progressivamente, formando una rete di 7.500 agenti, una raccolta complessiva di 230 milioni di euro e nove branch che operano nelle principali regioni cinesi.
Una Generali che continua quindi a raccogliere successi, sia a livello nazionale, sia internazionale.

Societa’ Listino di Riferimento Prezzo Valuta Var%
Allianz Deutsche borse (xetra) 70.31 EUR +0.87%
American Express Nyse 18.43 USD -9.92%
Axa Euronext 11.6 USD +7.01%
Azimut Borsa Italiana 5.10 EUR +3.24%
Banca Generali Borsa Italiana 3.34 EUR +7.21%
Bank of NY Mellon Nyse 31.2 USD -3.79%
Barclays Lse 10.95 USD -3.18%
BlackRock Nyse 132.1 USD -5.15%
BNP Euronext 38.5 EUR +8.92%
BPM Borsa Italiana 4.07 EUR +3.82%
Citigroup Inc Nyse 4.01 USD +5.52%
Credit Agricole Euronext 10.68 EUR +9.03%
Credit Suisse Group Swiss Market Exchange 38.12 CHF +0.26%
Deutsche Bank Deutsche borse (xetra) 37.27 EUR +0.59%
Dexia Euronext 3.00 EUR +8.30%
Fortis Euronext 1.52 EUR +6.74%
FT Inv. Nyse 59.23 USD -3.69%
Goldman Sachs Nyse 115.1 USD -11.5%
Henderson </font Lse 87.25 GBp +5.75%
HSBC Investments Lse 481.2 GBp +1.53%
ING Euronext 6.70 EUR +8.28%
IntesaSanpaolo Borsa Italiana 2.33 EUR +4.48%
Invesco Nyse 15.65 USD -7.94%
Janus Capital Group Nyse 8.02 USD -7.06%
Jp Morgan Nyse 30.7 USD -8.90%
Julius Baer Swiss Market Exchange 35.98 CHF -0.05%
Legg Mason Nyse 18.27 USD -5.33%
Man Group Lse 252.0 GBp +6.10%
Mediobanca Borsa Italiana 7.04 EUR +2.77%
Mediolanum Borsa Italiana 2.75 EUR +1.48%
Morgan Stanley
Nyse
23.67 USD -11.9%
Montepaschi Siena Borsa Italiana 1.17 EUR +6.23%
Natixis Euronext 1.76 EUR +11.6%
Nordea bank Omxnordicexchange 54.9 SEK +11.1%
Raiffeisen Wiener Borse 29.2 EUR +9.85%
Schroders Lse 871.5 GBp +3.07%
Skandia (Old Mutual) Lse 66.6 GBp +5.21%
State Street Nyse 34.53 USD -11.5%
Ubs Swiss Market Exchange 13.27 CHF +15.3%
Unicredit Borsa Italiana 1.78 EUR +5.95%

Dati di chiusura del 14 aprile 2009, fonte Bluerating.com;

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

L’arrivo di Geronzi è una macchia nera per Generali

Generali, ultimo giorno per decidere la presidenza

Bernheim, nessuno lo chiama per Generali

NEWSLETTER
Iscriviti
X