Meeting Fmi-Banca Mondiale: sotto i riflettori le riforme fiscali

A
A
A
di Finanza Operativa 18 Aprile 2018 | 18:30

Di David Ross, gestore del fondo World Equity Growth di La Financiere de l’Echiquier

Nel primo giorno di lavori, i meeting tra l’Fmi e la Banca Mondiale hanno ripreso un tema che è sempre stato sotto i riflettori nelle ultime riunioni, ossia la necessità di sfruttare questo periodo di crescita economica e stabilità per affrontare le riforme sul fronte fiscale e dei deficit di bilancio.

Il World Economic outlook prevede un rallentamento dell’economia mondiale entro il 2020 e a quel punto sarà troppo tardi per le riforme. La discussione nella seconda metà della giornata si è incentrata sulla mancanza di inflazione nell’area euro e sull’apparente incapacità della politica monetaria di svolgere il proprio lavoro. Mentre la politica monetaria più accomodante della BCE ha lavorato in termini di riduzione della disoccupazione da 12 a 9 milioni, la stretta del mercato del lavoro non ha spinto verso l’alto salari e inflazione, in una situazione che gli economisti hanno battezzato di “inflazione mancante”.

L’ipotesi presentata è che l’Eurozona sia dominata da aziende medio piccole che non sono in grado di assorbire costi del lavoro più elevati e che la maggiore influenza dei sindacati e dei contratti di lavoro a lungo termine abbia portato ad una “viscosità” che ha portato l’inflazione a mancare l’obiettivo. In conclusione, la politica monetaria non sta fallendo e sarebbe un grave errore se la Banca centrale europea iniziasse troppo presto a inasprire la propria politica monetaria.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fed, probabile un ulteriore richiamo agli stimoli fiscali

Portafoglio Pmi Innovative: la performance arriva a sfiorare il +19%

Scadenze fiscali gennaio 2020: ecco il calendario

NEWSLETTER
Iscriviti
X