Hedge, quando la moglie è in bolletta

A
A
A
di Marco Mairate 21 Aprile 2009 | 14:30
Anche le mogli (ricchissime) dei gestori hedge affrontano la crisi. E per farlo sono disposte a tutto, anche a prendere un aereo di linea o rinunciare al party faraonico per la figlia.

“The Ex-Mrs. Hedgefund”, è l’ultimo libro scritto da Jill Kargman, novellista, socialitè e figlia di Arie Kopelman l’ex Presidente di  Chanel.  Il libro, scritto prima dello scoppio del credit crunch , è un vero e proprio viaggio nel tempo in una Manhattan ancora ricchissima, zeppa di gestori hedge e mogli che si aggirano per la città con i portafogli pieni zeppi di dollari.

La Kargman ricorda con nostalagia quando ogni ‘signora’ che si rispetti passeggiava per Park Avenue piena di speranza e ottimismo; che bei tempi quando spendere 50.000 dollari per la festa di compleanno della figlia di 2 ani non era assolutamente un problema, anzi. Sfortunatamente per la Kargman le cose sono leggermente cambiate dalla prima stesura e il party di presentazione dell’opera letteraria (in programma per oggi) avrà un titolo più consono ai tempi di oggi “Nightmare On Wall Street”.

Durante la presentazione del libro, l’ex signora di WS spiegherà come alcune delle donne più ricche di New York affrontano la crisi finanziaria. Se prima si potevano spendere con tranquillità 750 dollari per un paio di scarpe ora la brava moglie non supererà più di 400 dollari al paio (forse anche perché è stagione di saldi nella grande  mela). Altre coppie famose hanno invece deciso di non rinnovare l’iscrizione estiva al Country Club e alcuni addirittura si sono ridotti a spostarsi utilizzando le tradizionale linee aree.

Crisi o non crisi esistono però dei limiti ben precisi che una vera signora di Wall Street non intende oltrepassare (per ora): “Non importa quanto le cose potranno andare male, io e mio marito non prenderemo mai la metropolitana” dice una delle signore intervistate nel libro di Kargman. Non c’è mai fine al peggio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti