Come leggere il whitepaper di una criptovaluta

A
A
A
di Finanza Operativa 27 Aprile 2018 | 10:00

a cura di media-buying.net

Come Leggere il Whitepaper di una Criptovaluta

Se ultimamente avete anche voi pensato di investire nelle criptovalute, vi sarà certamente capitato di leggere un cosiddetto whitepaper. Ma come fare a destreggiarsi fra le centinaia di diversi whitepapers che vengono pubblicati ogni giorno prima di decidere su quale delle tante ICOs (Initial Coin Offering – letteralmente offerta iniziale di valuta) valga la pena di investire il proprio capitale?

Cos’è un whitepaper?

Investire nelle criptovalute è, oggi come oggi, un’ottima idea sia per chi vuole “arrotondare” un po’ il proprio stipendio, sia per gli imprenditori che vogliono effettivamente moltiplicare il proprio capitale dando fiducia all’idea di una nuova software house. Al di là delle ben più famose criptovalute come il Bitcoin e l’Ethereum, il mercato del blockchain offre infatti tantissime alte valute sulle quali poter investire. Le cosiddette ICO sono infatti centinaia, e non sono altro che la monetizzazione per mezzo di token di un’idea, possibilmente geniale, di una start-up o di una software house.

Ma come determinare se questa idea è appunto meritoria e potrebbe quindi trasformarsi in un potenziale profitto, o si tratta solo di una perdita di tempo? Il valore della singola criptovaluta è infatti legato a doppio filo al potenziale innovativo e produttivo dell’idea stessa, che i creatori descrivono al pubblico per mezzo di un documento chiamato whitepaper. A differenza del classico materiale pubblicitario utilizzato dai PR per promuovere il prodotto sottolineandone i vantaggi, infatti, il whitepaper è un vero e proprio documento informativo che spiega ogni dettaglio del suo funzionamento con dovizia di particolari.Immagine

Com’è strutturato un whitepaper?

Per potersi destreggiare fra i tanti (tantissimi, forse troppi) whitepapers, è necessario avere un’idea precisa della loro struttura generale. Sebbene infatti questo tipo di documenti non sia infarcito del tipico linguaggio di marketing del resto del materiale pubblicitario, è comunque necessario esaminare a fondo la proposta per capire se si tratta effettivamente di un’offerta valida o di una sostanziale perdita di tempo.

Introduzione

Questa sezione normalmente serve a fornire il contest e a definire brevemente il background del progetto. L’idea è che la maggior parte dei lettori si fermerà qui se il progetto non è interessante, ed è quindi spesso una sezione molto concentrata e densa di informazioni rilevanti.

Presentazione del Team

Chi sono i membri del team, che esperienze hanno, quali sono le loro qualifiche professionali, e che ruolo intendono svolgere nel progetto. Chiaramente l’importanza di questa sezione è quella di definire, almeno in parte, la credibilità dell’idea in relazione all’affidabilità e alla reputazione dei membri del team.

Definizione del Problema e Soluzioni

In questa sezione viene presentato il mercato corrente nel quale l’offerta intende intervenire, e i problemi che eventualmente si presuppone di risolvere, siano essi commerciali, tecnici o tecnologici. A volte le soluzioni al problema vengono presentate in una seconda, ulteriore sezione, che spiega non come la ICO intende intervenire, ma semplicemente come è stato finora affrontato il problema dai competitors o, più in generale, dalle aziende che operano nel settore.

Immagine

Descrizione del progetto

Chiaramente nessuna delle soluzioni presentate nella sezione precedente è valida a sufficienza, o non può comunque competere con l’ICO. In questa sezione del whitepaper, infatti, la start-up spiega come intende intervenire scendendo più o meno nel dettaglio degli elementi tecnici necessari.

 Non lasciatevi ingannare dal gergo a volte eccessivamente tecnico che spesso è utilizzato per aggiungere “spessore” ad un’idea altrimenti piuttosto debole. Questa sezione è senza dubbio quella più importante, ed è quella che va letta in modo più approfondito per stabilire la solidità e la credibilità del progetto stesso. La soluzione proposta è veramente efficace? Se anche lo è, quanto è veramente attuabile? Quali sono le misure di sicurezza che verranno implementate per garantire le transazioni? In che modo verranno utilizzati i tokens che poi costituiranno la criptovaluta vera e propria?

Vantaggi economici

Supposto che l’idea sia buona, quanto effettivamente è in grado di intervenire economicamente sul mercato corrente? La scelta di investire o meno su una nuova proposta tecnologica dipende ovviamente anche dalla dimensione dei numeri che quest’ultima è in grado di influenzare. Un’idea pur rivoluzionaria che intervenga però solo su una ristrettissima cerchia di utenti poiché di nicchia, potrebbe infatti non riuscire a generare credito sufficiente da giustificare un investimento o un futuro rientro economico significativo.

Dettagli della crowdsale

Similmente alla vendita delle azioni di una società, la crowdsale è il finanziamento che l’azienda chiede per finanziare il suo progetto. I dettagli della crowdsale permettono di valutare se e quanto vantaggiosa sarà poi la distribuzione dei token, e quale potrà essere il rientro economico di chi è disposto ad investire sull’idea. Anche in questo caso, se questa sezione è povera di numeri e dettagli o manca di sufficiente trasparenza, è difficile che il progetto possa attrarre un numero sufficiente di investitori che ne garantiscano il lancio e la diffusione capillare.

Conclusione

Districarsi fra le tante ICO presenti oggi sul mercato non è facile, e certo lo è ancora di meno farlo guardando i tanti, spesso fin troppo complicati, whitepapers. Ma non temete, nel tempo imparerete velocemente a distinguere un’offerta valida da una insulsa già ad una prima occhiata.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti