Freddie Mac, morto suicida il direttore finanziario

A
A
A
Avatar di Marco Mairate 23 Aprile 2009 | 08:52
Lutto nel mondo della finanza. Un’altra vittima del sistema malato americano, un’altra vittima della finanza esasperata. Quella di David Kellermann è una morta ancora avvolta nel mistero ma i legami tra la scomparsa del giovane direttore fiananziario e il ruolo occupato in una delle società simbolo della crisi immobiliare lascia poco spazio agli investigatori.

Viveva in uno stato di continuo panico, chiuso nella propria casa e sorvegliato da un’agenzia specializzata per la sicurezza personale. Questa era la vita di David Kellermann, l’attuale direttore finanziario di Freddie Mac.

Il giovane manager è stato trovato privo di vita martedì mattina dalla moglie che per prima ha detto alla polizia che si trattava di omicidio.

L’uomo aveva lavorato per 16 anni in Freddie Mac, uno delle due entità semi statali create dal Governo Usa per favorire l’acquisto dell’abitazione a tutti, poveri compresi. Lo scorso settembre il manager era stato ‘promosso’ a direttore finanziario del gruppo, un ruolo di prestigio ma che nel caso di FM significava più noie che altro.

La promozione arrivò infatti dopo che il Tesoro azzerò i vertici di FM: da allora il lavoro di  Kellermann consisteva nel sovraintendere un team di 500 persone che lavoravano duramente per ricreare il gruppo che alla fine di maggio presenterà i risultati del primo trimestre.

Chi conosceva il manager dice che in questi ultimi mesi aveva perso peso e risultava particolarmente stressato. La sua ‘popolarità’ nel quartieren era divenuta più difficile da quando aveva ricevuto un bonus di 800mila dollari, maxi bonus che in questi tempi attirano più odio e inimicizia che altro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

NEWSLETTER
Iscriviti
X