Le sfide a lungo termine della Bce secondo Pimco

A
A
A
di Finanza Operativa 9 Maggio 2018 | 15:00

Le decisioni di politica monetaria della BCE dovrebbero essere abbastanza chiare per il prossimo anno ma, secondo Andrew Bosomworth, Responsabile della gestione del portafoglio di Pimco, dopo il 2020 la banca centrale dovrà affrontare una serie più complessa di sfide. Secondo Bosomworth, la prima sarà la misura in cui la BCE può normalizzare i tassi ufficiali prima che gli Stati Uniti e le economie dell’eurozona alla fine cadano in recessione. Una seconda sfida sarà calibrare gli strumenti attraverso i quali la BCE attua la politica monetaria.

Bosomworth pensa inoltre che il mercato sopravvaluti quanto la BCE può normalizzare i tassi ufficiali. Il fatto che L’Europa dipenda dalla domanda esterna limiterà la misura in cui la BCE può aumentare i tassi oltre lo zero quando la crescita globale inizierà a rallentare. Con un campo di azione limitato per ridurre i tassi ufficiali, la BCE dovrà utilizzare il proprio bilancio per contrastare le pressioni deflazionistiche di fronte alla prossima recessione.

Non solo. Bosomworth si aspetta anche che le operazioni di rifinanziamento a lungo termine (LTRO) diventino uno strumento standardizzato di politica monetaria una volta che quelle attuali inizieranno a scadere. Le politiche macro prudenziali, che regolano quanto le banche possono prestare per l’acquisto di proprietà, potrebbero aiutare la BCE a mantenere la stabilità finanziaria. In ogni caso, secondo Pimco, le politiche europee non convenzionali e i bassi livelli dei tassi di interesse dovrebbero persistere.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: Bce forse pronta a rottamare il Pepp

Banche, ai soci 6mld di cedole

Le tre variabili per la Germania

NEWSLETTER
Iscriviti
X