Il Brent s’infiamma e supera quota 75 dollari

A
A
A
di Finanza Operativa 10 Maggio 2018 | 09:30

A cura di Christopher Gannatti, Head of Research di WisdomTree Europe
Il prezzo del greggio Brent ha superato i 74USD al barile. Il 6 aprile il prezzo era di 67,11USD al barile: un aumento di oltre il 10% in un lasso temporale brevissimo.
È possibile che questo trend di aumento del prezzo del petrolio sia correlato alle tensioni tra Russia e Stati Uniti e alla possibilità di eventuali sanzioni. Inoltre, anche la decisione di Trump di uscire dall’accordo con l’Iran, siglato durante l’amministrazione Obama, potrebbe influenzare l’andamento dei prezzi.
Considerando che i produttori statunitensi di shale sono avvantaggiati dall’aumento dei prezzi del petrolio, a nostro avviso non sarebbe prudente scommettere in misura eccessiva su nuovi movimenti al rialzo dei prezzi del greggio. Ciò detto, generare incertezza è nella natura stessa del rischio geopolitico. Non sappiamo dove il prossimo flusso di tweet porterà l’attenzione dei mercati.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Petrolio, surplus in esaurimento ma Brent a un bivio tecnico. Tutti gli Etc

Mercati, su petrolio e petroliferi gli analisti stimano nuovi rialzi

Mercati: petrolio, meeting dell’Opec in balìa dell’Arabia. I target e gli Etc sul Brent

NEWSLETTER
Iscriviti
X