Il Term Funding Scheme della BoE volge al termine

A
A
A
di Finanza Operativa 11 Maggio 2018 | 12:30

A cura di

Il piano di sostegno al credito della Banca d’Inghilterra (BoE), noto come Term Funding Scheme (TFS), è giunto al termine all’inizio di quest’anno. In sintesi, il piano offriva quattro anni di finanziamento al tasso base della BoE oltre a una commissione alle banche e, a loro volta, le banche dovevano finanziare prestiti all’economia reale (la commissione dipendeva dai prestiti netti della banca). Abbiamo già parlato dello schema qui e qui.
Il piano di sostegno al credito ha riscosso grande successo e ad aprile 2018 i prelievi TFS aggregati in essere (prestiti a basso costo) a disposizione delle banche ammontavano a 127 miliardi di sterline. A seguito del TFS, il prestito netto ha raggiunto 68 miliardi di sterline tra settembre 2016 e dicembre 2017. Lloyds, RBS, Nationwide e Barclays sono state le banche che hanno maggiormente usufruito dello schema. Di conseguenza,  visti i finanziamenti della banche tramite TFS, il fatto che negli ultimi due anni l’emissione di ABS sia calata in  modo significativo non ha sorpreso, dato il costo relativamente elevato (35-60 punti base) per i prestatori per l’emissione di titoli AAA senior sotto forma di RMBS (Residential Mortgage-Backed Securities, titoli garantiti da mutui residenziali).

Con la chiusura dei drawdown del piano a inizio anno e in vista delle prossime scadenze TFS, le banche domiciliate nel Regno Unito hanno programmato di diversificare i loro canali di finanziamento e tornare ad attingere ai mercati delle cartolarizzazioni. Il termine dei prestiti assunti nell’ambito del piano è di quattro anni a partire dalla data di drawdown e prevediamo considerevoli operazioni di rifinanziamento tra fine 2020 e 2021. I prestatori stanno ora cercando di anticipare queste operazioni e di emettere obbligazioni RMBS con scadenze più lunghe. Ad esempio, Nationwide non aveva erogato finanziamenti tramite mercati RMBS dal 2016 e ha emesso il suo primo RMBS a febbraio, e dopo una pausa di due anni Paragon Bank ha emesso il suo primo RMBS “buy to let” nel mese di aprile.
Dall’inizio di quest’anno ad oggi abbiamo assistito a un’elevata emissione di RMBS britannici (pari a circa 3,7 miliardi di euro) con alcune previsioni di emissioni prime pari a 8-10 miliardi di euro (oltre a un’ulteriore cifra di 6-8 mld di euro di emissioni non prime) per l’anno. Pur se ancora contenute rispetto alle emissioni annuali di 30 mld di euro dei tempi pre-TFS, le emissioni attuali sono superiori a quanto visto negli ultimi due anni (totale di 8 mld di euro) e ci aspettiamo un rialzo prolungato. Il riemergere di prestatori nel mercato potrebbe contenere gli spread di finanziamento per gli emittenti.
Quali sono le probabili conseguenze per le famiglie e i consumatori nel breve termine? Privare le banche dei prestiti TFS si tradurrà probabilmente in tassi ipotecari più elevati per i clienti (ma d’altra parte, anche in tassi di risparmio più alti). Il finanziamento tramite i mercati di covered bond resta comunque un canale alternativo per le banche e gli istituti di credito immobiliare, dove i costi di finanziamento restano più competitivi, contribuendo a contenere le pressioni dei costi in aumento.

Dal punto di vista degli investitori, nonostante le pressioni sui differenziali, continuiamo a guardare con favore e a investire nell’asset class. La performance del credito RMBS britannico è stata stabile negli ultimi anni e non sono state registrate ad oggi perdite sui titoli in essere.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bank Of England bacchetta i risparmiatori sui Bitcoin

Meeting BoE, improbabile l’annuncio di nuovi stimoli

La Bank of England spinge sul Qe

NEWSLETTER
Iscriviti
X