Gdpr questa sconosciuta

A
A
A
di Finanza Operativa 18 Maggio 2018 | 16:30

Capgemini ha rilasciato il nuovo report del Digital Transformation Institute dal titolo “Seizing the GDPR Advantage: From mandate to high-value opportunity”, che ha intervistato 1.000 dirigenti e 6.000 clienti in 8 mercati (tra cui l’Italia), al fine di esplorare le attitudini e la preparazione delle aziende nell’adozione del GDPR, oltre alle opportunità offerte dallo stesso. Secondo lo studio, l’85% delle aziende in Europa e negli Stati Uniti non sarà pronto per l’entrata in vigore del GDPR che avverrà il 25 maggio (in Italia sono il 90%). Inoltre, una società su quattro non sarà pienamente conforme al nuovo regolamento nemmeno entro la fine dell’anno. Questo nonostante ci siano dei possibili benefici per chi riuscirà a conformarsi alla normativa. Una copia del report è disponibile per il download qui.
 
Di seguito le principali evidenze:
Una corsa contro il tempo per l’arrivo del GDPR

  • Le imprese britanniche sono le più avanzate in termini di conformità al GDPR in Europa, anche se solo il 55% dichiara di essere ampiamente o completamente conforme. Seguono le società di Spagna (54%), Germania (51%) e Paesi Bassi (51%) che sono ancora più in ritardo.
  • In Italia solo il 48% delle imprese dichiara di essere ampiamente o completamente conforme.
  • Il fanalino di coda è rappresentato dalla Svezia, che ha ancora molto da fare, con solo il 33% delle compagnie del paese ampiamente o completamente conforme con il regolamento.
  • Quasi un terzo delle società si concentra esclusivamente sulla conformità: per il 31% degli intervistati (il 22% degli intervistati in Italia) l’obiettivo del proprio programma è quello di rispettare le disposizioni del regolamento e non quello di ottenere un effettivo vantaggio competitivo.
  • Nonostante esista la possibilità di imporre alle aziende non in regola delle sanzioni, il cui valore può arrivare fino al 4% del fatturato, quasi il 19% del campione afferma che la conformità alle disposizioni non costituisce una loro priorità. Una nota positiva per l’Italia, dove questo valore si abbassa al 13%.

 
I benefici e le opportunità del GDPR

  • Il 39% dei consumatori convinti che una data organizzazione protegga i loro dati, ha acquistato più prodotti e aumentato la propria soglia di spesa presso quella singola azienda (in Italia il valore sale al 47%).
  • L’aumento della spesa da parte dei consumatori è considerevole e si aggira intorno al 24% in più.
  • Il 40% degli intervistati ha incrementato il numero delle transazioni con quelle aziende che più si impegnano nella protezione dei dati (50% in Italia).
  • Il 49% del campione afferma di aver condiviso con parenti e amici la propria esperienza positiva, rafforzando di conseguenza la reputazione aziendale tra i potenziali clienti (56% in Italia).

 
La responsabilità passa dalle mani dei clienti

  • In tutta Europa, il 57% delle persone (45% in Italia) dichiara di aver preso provvedimenti nei confronti di una data società una volta appreso che i propri dati personali non venivano gestiti in maniera adeguata.
  • Di questi, più del 70% intraprenderà una serie di azioni a svantaggio delle aziende non-compliant, come ad esempio ridurre la spesa (71% – valore che sale al 72% in Italia), smettere di utilizzare i servizi offerti (71% – in linea con l’Italia) o condividere esperienze negative con amici e parenti (73%).
  • Quasi i tre quarti (71% – valore che scende al 69% in Italia) dei dirigenti ritengono che i consumatori non intraprenderanno alcuna azione significativa.
  • Otto dirigenti su dieci ritengono che i clienti abbiano piena fiducia nella loro azienda per quanto riguarda la gestione della privacy e della sicurezza dei dati personali, affermazione che però trova d’accordo solo il 52% dei consumatori.
  • Questa percezione errata fa sì che le aziende perdano i potenziali benefici evidenziati in precedenza, e che solo l’11% di tali organizzazioni focalizzi i propri sforzi di conformità al GDPR sui bisogni dei clienti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Partnership tra Bnl Bnp Paribas e Capgemini sul digitale

Capgemini: banche retail, cambiare per sopravvivere

Consulenti, non piacete ancora abbastanza ai paperoni

NEWSLETTER
Iscriviti
X