Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite: misurare la performance attraverso l’impatto

A
A
A
di Finanza Operativa 21 Maggio 2018 | 18:30

A cura di Niamh Whooley, ESG Engagement Analyst di Pimco

Dalla loro pubblicazione nel 2015, i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite hanno assunto un ruolo significativo nel mobilitare l’azione e la cooperazione da parte dei governi, delle aziende e della comunità finanziaria nel promuovere lo sviluppo sostenibile. A novembre 2017 è stata inoltre emessa la prima obbligazione SDG per lo sviluppo sostenibile al mondo.

Ritengo che l’impegno attivo con gli emittenti possa contribuire a ridurre il rischio di credito, a sbloccare il valore per gli investitori e ad influenzare l’impatto positivo su economie, società e ambiente. Un obiettivo importante per l’iniziativa ESG di Pimco è di incorporare gli SDG nell’attività di coinvolgimento come riferimento per l’attenzione, la responsabilità e, infine, la misurazione dell’impatto.

Nnel 2017, Pinco ha intrapreso uno sforzo per incoraggiare gli emittenti a valutare e divulgare gli SDG più rilevanti per la loro attività. I prossimi passi includeranno metriche quantificabili e un processo di mappatura che aiuti anche a identificare i collegamenti critici tra le diverse industrie e gli SDG.

Un numero crescente di attori internazionali, tra cui l’UN Global Compact e i Principles for Responsible Investment (PRI), ha iniziato a lavorare per allineare le pratiche di investimento e le metodologie di misurazione con gli obiettivi di sostenibilità.

Pimco partecipa attivamente alle iniziative SDG di entrambe queste organizzazioni. E afferma la necessità ottenere la capacità di quantificare e confrontare il contributo di ciascuna azienda al raggiungimento degli SDG.

Non è sufficiente sapere che un emittente sta migliorando le sue prestazioni sociali e ambientali ma si vuole capire il suo ruolo nel sostenere le ambizioni globali concordate dai leader mondiali nel 2015.
Gli investitori focalizzati su ESG cercano di costruire portafogli che soddisfino i loro obiettivi finanziari e di impatto. Gli emittenti possono sostenere questo sforzo misurando e riportando l’impatto dei loro prodotti e servizi sulla società e l’ambiente.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

ATFund, dopo un anno 115 fondi quotati e 31 emittenti

Etp, Borsa Italiana conferma la leadership in Europa

Obbligazioni e cambiali finanziarie,distribuzione diretta su ExtraMot ed ExtraMot Pro

NEWSLETTER
Iscriviti
X