I nuovi modelli di business e le tecnologie emergenti fanno crescere il mercato FinTech europeo

A
A
A
di Finanza Operativa 21 Maggio 2018 | 15:00

La ricerca di Frost & Sullivan intitolata European FinTech Market Outlook, 2018 delinea i trend per il 2017 e 2018 nel settore Fintech europeo che è in rapida evoluzione. La crescita può essere attribuita a un ecosistema costituito da start-up innovative e tradizionali, istituzioni finanziarie favorevoli alla digitalizzazione, investitori che identificano le opportunità di crescita e regolatori proattivi. L’integrazione di tecnologie emergenti, come Artificial Intelligence (AI), Machine Learning (ML), big data, analytics e Internet of Things (IoT), consente alle aziende di soddisfare le richieste dei consumatori digitali, tra cui la facilità di utilizzo, l’accesso in mobilità e la personalizzazione.  L’integrazione verticale dei servizi finanziari è soggetta a rigide misure di regolamentazione e di conformità; i partecipanti al mercato sono infatti particolarmente attenti alla sicurezza e alla riservatezza dei dati e si avvalgono anche di queste tecnologie avanzate per aumentare i livelli di sicurezza. Lo studio di Frost & Sullivan analizza i trend tecnologi in Europa e il loro impatto sull’industria. Esamina inoltre i trend nei segmenti BankTech, InsurTech, RegTech, PayTech e WealthTech e prevede opportunità di crescita in ciascuno di essi.

“Per il futuro possiamo prevedere che le aziende FinTech si concentreranno sempre più e parteciperanno alla ricerca e alla dimostrazione “proof of concept” in tecnologie come blockchain e quantum computing” afferma Deepali Sathe, Senior Industry Analyst, ICT, Frost & Sullivan. “Nel frattempo, gli sviluppi nell’ambito di piattaforme AI e ML creeranno nuove allettanti opportunità.”

L’afflusso di start-up e soluzioni innovative trasforma la catena del valore in segmenti come PayTech e InsurTech, i tradizionali partecipanti al mercato riconoscono quindi la necessità di essere agili. Le frequenti modifiche e aggiornamenti delle norme e dei requisiti di conformità, nonché gli eventi come Brexit, evidenziano il bisogno di flessibilità.

Poiché nel 2018 le aziende faticano a rispettare le scadenze e a soddisfare i requisiti del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) e della direttiva sui servizi di pagamento rivista (PSD2), aumenta la domanda di RegTech, per il quale è prevista una crescita di oltre 500 milioni di dollari nel 2018.

“I nuovi modelli di business e la crescita di soluzioni incentrate sul cliente creeranno opportunità per offrire nuovi servizi o X-as-a-Service (XaaS)” osserva Sathe. “Questi modelli automatizzano i processi e si integrano nell’infrastruttura IT esistente per promuovere la crescita globale. Inoltre, molti segmenti di mercato che sono scarsamente o per niente serviti, come le piccole e medie imprese (PMI), gli espatriati e le persone con pochi antecedenti in materia di prestiti, hanno iniziato ad offrire ulteriori opportunità di business.”

Le aziende stanno esaminando sempre più le opzioni a disposizione per la realizzazione di partnership e investimenti strategici al fine di garantire un time-to-market più veloce per soddisfare le richieste dei consumatori che desiderano un accesso 24 ore al giorno, 7 giorni su 7 e permettere un approccio omnicale. Le API e l’economia condivisa avranno un impatto in tutto il settore, in quanto il nuovo ecosistema incoraggia un approccio collaborativo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fintech, così cambia il rapporto banca-impresa

Banca Generali, la blockchain al servizio del fintech

Fintech, Poste Italiane punta su Scalapay

NEWSLETTER
Iscriviti
X