Biogen e Alexion guidano gli sconti nel Biotech

A
A
A
di Finanza Operativa 24 Maggio 2018 | 14:00

A cura di Francesco Lavecchia, Morningstar
Le biotecnologie hanno sottoperformato il settore salute negli ultimi tre mesi e ora il loro rapporto Prezzo/Fair value è sceso a 0,86. Ecco le migliori idee di investimento secondo gli analisti di Morningstar.
I biotecnologici fanno peggio di tutto il settore salute. Negli ultimi tre mesi i titoli del segmento più innovativo dell’healthcare hanno ceduto oltre il 5% della loro capitalizzazione di mercato (rendimento dell’indice Msci/World Biotechnology in USD al 18 maggio 2018), contro lo 0,77% del comparto nel suo insieme, e ora sono scontati mediamente del 14% rispetto al fair value. Biogen e Alexion Pharmaceuticals mettono insieme Moat elevato e prezzi convenienti e sono le migliori idee di investimento nel segmento biotech secondo gli analisti di Morningstar.
Biogen non smette di crescere
Biogen è riuscita a costruirsi una forte posizione di vantaggio all’interno del settore grazie al successo della sua offerta nel campo dell’oncologia, della neuroimmunologia e della sclerosi multipla.  “Diversamente dai farmaci comuni, quelli biologici hanno dei costi di produzione molto più elevati e devono superare test medici più complessi. Questo scoraggia molte aziende a entrare in questo segmento e garantisce alle aziende leader come Biogen di realizzare rendimenti del capitale superiori alla media”, dice Damien Conover analista azionario di Morningstar.
“Il lancio del farmaco Tysabri garantirà all’azienda il primato nel mercato della sclerosi multipla per i prossimi sette anni, mentre l’approvazione di nuovi prodotti nel segmento delle neurologia le permetterà una maggior diversificazione del portafoglio. Sulla base di queste ipotesi ci aspettiamo una crescita media del fatturato del 4% nei prossimi cinque anni e stimiamo un fair value pari a 382 dollari” (report aggiornato al 13 maggio 2018).
Alexion scontata del 30%
Alexion Pharmaceuticals continua a essere scambiata a un tasso di sconto del 30% rispetto al fair value nonostante le sue azioni siano salite dell’1,8% negli ultimi tre mesi. “Recentemente abbiamo deciso di alzare la valutazione di Alexion a 172 dollari (da 170 dollari) sulla base delle migliori previsioni di crescita per il 2018 e della prossima acquisizione di Wilson Therapeutics prevista entro il secondo trimestre di quest’anno”, dice Kelsey Tsai di Morningstar. “Il gruppo biotech statunitense è specializzato nella produzione di farmaci per la cura di malattie molto rare e grazie a questo focus su una nicchia ristretta del mercato riesce a ricavare mark-up molto alti sui prezzi di vendita e a realizzare rendimenti del capitale superiori alla media”.
Il lancio di farmaci di nuova generazione in Europa e Stati Uniti sarà uno dei principali driver della crescita, dati i buoni risultati dei test medici. L’acquisizione di Wilson Therapeutics, realizzata a prezzi ragionevoli, permetterà al gruppo di diversificare ulteriormente la sua offerta. Sulla base di queste ipotesi gli analisti prevedono un progresso medio del fatturato del 13% e un balzo del margine Ebit dall’attuale 22% al 44% nel 2022.
 
Rapporto medio Prezzo/Fair value del settore biotech (ultimi 3 mesi)


 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: biotech e pharma reggono l’impatto della guerra

Asset allocation: in attacco schiera il biotech

Investimenti: per il biotech si profila un futuro più sereno

NEWSLETTER
Iscriviti
X