Alluminio in stand by in scia a Rusal e alle sanzioni Usa

A
A
A
di Finanza Operativa 25 Maggio 2018 | 17:00

Nel settore dell’alluminio l’attenzione resta concentrata sulle novità dal fronte Rusal: ieri la società russa ha annunciato di aver chiesto a Mosca di acquistare parte del proprio output per compensare le sanzioni Usa. Rusal ha inoltre anche annunciato che il ceo della società e sette membri del board hanno rassegnato le dimissioni nella speranza di persuadere Washington ad ammorbidire le sanzioni anche per non mettere a repentaglio la società dall’accesso al credito delle banche occidentali e dal calo della domanda da parte dei propri clienti. La società russa, infatti, si trova a dover fronteggiare le scadenze di alcuni bond che al momento sono messo a rischio dalle difficoltà di rifinanziarli.

Tuttavia,  l’attuale situazione non sembra riuscire a scalfire le quotazioni dell’alluminio che si confermano in fase laterale a ridosso dalla media mobile a 21 giorni lasciando immutate le attese per storni correttivi  verso i minimi di fine aprile posti in area 2.200 dollari per tonnellata.

Al rialzo, sull’alluminio a Piazza Affari sono disponibili i seguenti Etc: l’Etfs Aluminium, l’Etfs Eur Daily Hedged Aluminium e l’Etfs Daily Leveraged Aluminium. Al ribasso ci sono invece l’Etfs 1x Daily Short Aluminium.    G.R.

Clicca sul grafico per ingrandirlo

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, alluminio sugli scudi in scia al colpo di Stato in Guinea

Mercati: alluminio al top degli ultimi 10 anni, le ragioni e gli Etc

Mercati, sui metalli industriali il driver è la svolta green

NEWSLETTER
Iscriviti
X