Nel derby dello spread, la Spagna surclassa l’Italia

A
A
A
di Finanza Operativa 28 Maggio 2018 | 19:30

A cura di Dws
Cinque anni fa, molte persone a malapena distinguevano i paesi periferici dell’Eurozona. I cinici commentatori hanno usato un acronimo poco lusinghiero, raggruppando insieme Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia e Spagna. Gli sviluppi recenti dimostrano che i mercati premiano e onorano il miglioramento dei fondamentali.
Nel nostro “grafico della settimana”, diamo uno sguardo allo spread tra le obbligazioni governative a dieci anni emesse dallo Stato spagnolo e da quello italiano. Già nel 2013, i rendimenti delle obbligazioni spagnole erano scambiati fino a un punto percentuale sopra agli omologhi italiani a sottintendere che gli investitori pagavano un premio di rischio più elevato sul debito spagnolo.

Confrontando la performance economica dei due paesi da allora, scopriamo che la Spagna è riuscita a crescere tre volte più velocemente rispetto all’Italia: secondo i dati del Fondo Monetario Internazionale (FMI), il PIL italiano è cresciuto del 3,4% in totale tra il 2013 e il 2017, o 0,8% all’anno, mentre il PIL della Spagna è aumentato dell’11,6% tra il 2017 e il 2013 (ovvero con un tasso annuo del 2,8). La Spagna ha ridotto il suo deficit di bilancio di 4,5 punti percentuali, il miglioramento in Italia è stato di 1,4 punti percentuali.
La sovraperformance della Spagna si è riflessa sui prezzi di mercato delle obbligazioni e dal 2017 i rendimenti spagnoli sono stati negoziati sotto i loro omologhi italiani. Abbiamo recentemente iniziato a trattare la Spagna come un paese semi-core, e non più come un paese periferico.
In sintesi, i mercati premiano lo sviluppo economico positivo. E la reazione ai recenti sviluppi politici in Italia è un segnale che i mercati finanziari sono delusi dal nuovo corso.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bonos, un cammino virtuoso

Italia come Grecia del 2012 agli occhi dei mercati: la prudenza è d’obbligo

Crisi catalana: le possibili implicazioni per gli investitori

NEWSLETTER
Iscriviti
X