Bayer vince l’approvazione per l’accordo con Monsanto

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 30 Maggio 2018 | 15:30

a cura di Xtb

La rotta di ieri non ha risparmiato nessuno. I cali sono stati osservati in Europa e successivamente negli Stati Uniti. Durante la sessione asiatica di oggi, gli investitori della regione stavano valutando l’impatto degli sviluppi politici nel Vecchio Continente. A sua volta abbiamo visto il giapponese Nikkei (JAP225) in calo dell’1,5% e l’australiano S & P / ASX 200 (AUS200) in calo di quasi lo 0,5%. In Cina Hang Seng (CHNComp) ha perso l’1,6%.

I principali mercati azionari europei seguono la scia del DAX tedesco, al ribasso anche il CAC 40 francese e al FTSE 100 del Regno Unito che ha lanciato il day flat. Le azioni italiane sembrano cercare di pareggiare parte dell’apertura della debolezza di ieri con un eccesso di oltre l’1%. Media e energetici sono tra i più flessi in Europa, mentre i raffinatori e le telecomunicazioni sono tra i migliori nei guadagni. Il tema italiano è l’argomento principale sui mercati questa settimana. Il veto del presidente Mattarella contro l’euro scettico ministro delle finanze nominato infuriava le forze populiste nel paese, che rifiutavano il governo. Lo scenario di base per ora sono le elezioni anticipate nella seconda metà del 2018. In tal caso c’è un’alta probabilità che i partiti populisti facciano ancora meglio e, a loro volta, siano in grado di formare una maggioranza di governo. Se non verranno apportate modifiche al loro programma politico, la loro vittoria potrebbe rappresentare una grave minaccia per la stabilità dei mercati finanziari.

Tuttavia, non tutti sono pessimisti riguardo al futuro. Olaf Scholz, il ministro delle finanze tedesco, ha affermato che gli italiani sono molto europeisti e che i disordini in corso non lo cambieranno. Questa è la reazione più espressiva alla situazione italiana da parte del membro del gabinetto di Angela Merkel finora. Il cancelliere stesso ha appena ricordato brevemente che ci sono regole di stabilità fiscale nell’UEM e che dovrebbero obbedire. Dopo la prima ora di negoziazione, il DAX tedesco (DE30) ha guadagnato lo 0,29%, il CAC francese 40 (FRA40) ha fatto scivolare lo 0,45% mentre il FTSE 100 (UK100) del Regno Unito ha ceduto poco. Il FTSE MIB italiano (ITA40) ha ripreso l’1,1%.

 

DE30 osserva un test della media mobile a 200 sessioni (linea viola). Fonte: xStation5
I tedeschi DE30 (i futures DAX sottostanti) hanno subito un duro colpo insieme a tutti gli altri benchmark europei sulle blue chips. L’indice tedesco ha testato il livello di supporto a 12600 punti, ma non è riuscito a resistere a lungo. Il benchmark si è fermato in seguito e ha concluso la giornata in prossimità di 12640 punti in cui è possibile trovare il ritracciamento del 38,2% dell’ultimo rally. La reazione all’area di 12720 punti può essere cruciale per i movimenti futuri dell’indice in quanto la media mobile a 200 sessioni si trova lì. Il livello di supporto più vicino può essere trovato a 12600 punti, mentre il livello di resistenza potenziale più vicino può essere a 12900 punti.
 

Merck (MRK.DE) e Bayer (BAYN.DE) guidano i guadagni dell’indice DAX mercoledì mattina. Fonte: Bloomberg
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il valore nascosto dell’healthcare

Tre titoli su cui investire in Germania

Bayer, Morningstar conferma il fair value

NEWSLETTER
Iscriviti
X