Exor al test della resistenza e della media mobile

A
A
A
di Finanza Operativa 4 Giugno 2018 | 16:00

Exor, dopo la diffusione del piano indistriale di Fca e la dichiarazione di Elkan che non intende vendere la propria partecipazione nel gruppo automobilistico, è salita fino a testare in area 63,70 euro la trendline discedente di breve termine e la media mobile a 21 sedute. Un ostacolo oltre il quale il titolo avrebbe la strada spiananta, anche considerando l’ancora ampia distanza dalla zona di ipercomprato tecnico, di proseguire nell’uptrend iniziato a fine maggio dopo il rimbalzo dal supporto statico di medio periodo posto a quota 59,15.

In quest’ottica i prossimi obiettivi sono individuabili in prima battuta a 66,45, top del mese scorso, e in seguito nella zona compresa tra i 68 e la soglia tecnica e psicologica dei 70 euro. Cruciale però posizionare uno stop loss a quota 62,15. Da ricordare poi che la società staccherà un dividendo di 0,35 euro il prossimo 18 giugno, che alla quotazione attuale comporta un dividend yield dello 0,56%.  G.R.

Clicca sul grafico per ingrandirlo

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: il rally di Natale quest’anno va in retromarcia

Mercati: Fib, Dax ed Euro Stoxx future tentano un timido recupero

Borse internazionali: il punto tecnico della settima di Aldrovandi

NEWSLETTER
Iscriviti
X