Performance a doppia cifra addio

A
A
A
di Marco Mairate 4 Maggio 2009 | 07:00
Sembra che i bei tempi delle performance a due cifre siano ormai finiti. A dirlo una ricerca condotta dall’Ibm Institute for Business Value che presenta il futuro del nuovo ordine finanziario mondiale.

Gli investitori e soprattutto gli operatori finanziari si aspettano un futuro diverso per la finanza mondiale caratterizzato da rendimenti inferiori rispetto al passato e una maggior trasparenza della loro attività.

“Toward transparency and sustainability – Building a new financial order” è l’indagine condotta da IBM che ha intervistato 2.754 operatori del settore, composti da 1.076 investitori individuali e 1.678 dirigenti d’azienda e funzionari pubblici.

Leggendo i risultati si evince che il 90% delle persone operanti nel settore finanziario ritiene che i rendimenti del passato siano ormai finiti. Lo studio infatti spiega che oltre alla imminente riorganizzazione dei mercati finanziari, anche le società attive in questo settore dovranno aspettarsi un futuro caratterizzato da margini ridotti dove verranno premiati i  servizi a cui i clienti attribuiscono un valore.

Per questo settori chiave come l’investment banking, l’asset management e la gestione del patrimonio dovranno rivedere le proprie strutture di business e il livello dei ricavi. Un futuro dove la maggior trasparenza richiesta dal mercato (e dalla politica) porterà maggiore trasparenza mentre le attività ad alto margine tenderanno ad essere commercializzate come semplici commodity.

(Nel grafico sotto: la stima dei ricavi per le differenti attività tra il 2007 e il 2012)

Leggendo lo studio emerge che in futuro faranno capolino tre nuove aeree di specializzazione nella nuova era economica:

Beta transactors (negoziatori di beta): il nuovo scenario prevede che le società attive nell’industria finanziaria si comporteranno sempre più come i grandi gruppi di utility, dove il core dei servizi sarà caratterizzato dalla fornitura delle infrastrutture necessarie per agevolare le operazioni di market making.

Advisors (consulenti): la consulenza finanziaria verrà gestita da un numero inferiore di aziende. Le aree di competenza saranno servizi quali la gestione patrimoniale, la consulenza su operazioni di M&A ecc.

Alpha seekers (cacciatori di alpha): hedge fund, boutique finanziarie e private equity saranno i player che più di ogni altro si specializzeranno nella generazione di rendimenti elevati attraverso l’impiego di asset class ad alto rischio.

Oltre alla ‘comparsa’ di questi nuovi tre soggetti, l’indagine ha evidenziato la necessità da parte degli intervistati di migliorare i servizi alla clientela coadiuvati da una maggiore efficienza nella gestione degli stessi. Alla base di tutto però, c’è la necessità (unanime) di semplificare il sistema finanziario che deve essere epurato dagli eccessi del passato mentre si deve tornare ad un mercato più trasparente.

Proprio in termini di cambiamenti, l’opinione generale è che una ‘cattiva’ modifica del quadro regolamentare possa fare più danni di nessuna modifica.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti