Reddito fisso Usa: opportunità o “falling knife”?

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 19 Giugno 2018 | 15:00

Di Witold Bahrke, senior macro strategist di Nordea Am

Secondo l’esperto, i recenti aumenti sono legati principalmente a fattori ciclici. Il contesto strutturale macroeconomico non è cambiato, lasciando quindi intatta la prospettiva di rendimenti bassi nel lungo termine. Perché il il tutto si trasformi in una durevole tendenza rialzista serve un miglioramento del trend di crescita nominale, ovvero un aumento della crescita reale e un rialzo dell’inflazione, due fattori che al momento risentono della bassa produttività e dall’invecchiamento della popolazione, oltre che dell’elevato livello di debito e dell’impatto della tecnologia.

Per Bahrke, dunque, gli attuali valori rappresentano un interessante opportunità di entrata. Se lo scopo è quello di massimizzare i ritorni reali o, semplicemente, di trovare un porto sicuro, poi, è difficile ignorare il mercato del reddito fisso Usa. Ciò si traduce in un profilo di rischio-rendimento allettante in periodi di crescente volatilità, anche se questo è causato dall’aumento dei tassi. In primo luogo, i bond governativi Usa hanno segnato una performance migliore sia del credito sia dell’azionario durante il trambusto dei mercati in febbraio. In secondo luogo, anche in uno scenario di rendimenti al rialzo, il downside è limitato in termini assoluti.

Uno sguardo al fixed income Usa, infine, non si limita ai titoli del tesoro. Opportunità importanti si celano anche nei spesso trascurati mutui ipotecari garantiti dalle agenzie (Mortgage Backed Securities) che si distinguono in termini di profilo di rischio-rendimento.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, il Btp allunga ancora la scadenza

Il Btp a 50 anni: richieste per 130 miliardi

Obbligazioni: si guarda al “Futura”

NEWSLETTER
Iscriviti
X