Arabia Saudita nell’indice MSCI EM Equity

A
A
A
di Finanza Operativa 21 Giugno 2018 | 13:00

A cura di Abhishek Kumar, Managing Director, Sector Head – Emerging Markets Debt, Fixed Income Beta, State Street Global Advisors
L’inclusione dell’Arabia Saudita nell’indice MSCI EM Equity è un importante sviluppo anche per i mercati obbligazionari. L’Arabia Saudita conta oltre 68 miliardi di dollari di titoli di stato in valuta locale ed è tra gli ultimi pochi mercati principali che non sono stati inclusi negli indici obbligazionari. Con la quotazione delle obbligazioni su Tadawul, i prezzi sono diventati più facilmente accessibili e i prezzi di circa il 40% delle obbligazioni Sukuk emesse del governo saudita sono regolarmente disponibili. Questo ha aumentato la trasparenza dei mercati e consentirebbe agli investitori di valutare in modo corretto i propri investimenti obbligazionari. Il governo ha inoltre annunciato di recente la nomina di cinque istituzioni finanziarie come principali dealer per i titoli di stato nazionali, che avrebbero la funzione di migliorare la liquidità e gli scambi di queste obbligazioni”.
Inoltre è probabile che JP Morgan possa annunciare la revisione dei suoi indici relativi ai mercati emergenti a fine mese, mentre Bloomberg Barclays potrebbe arrivare alla stessa decisione nel terzo trimestre. È quindi molto probabile che gli sviluppi nel mondo azionario vengano attentamente monitorati dalle società che offrono indici sui mercati obbligazionari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Petrolio ancora sulle montagne russe nonostante l’accordo dell’Opec+

Petrolio: Usa, Arabia Saudita e Russia possibile un nuovo accordo

Petrolio Wti al test del supporto di lungo termine. Gli Etc long e short

NEWSLETTER
Iscriviti
X