Pil Usa, limato ma di buona qualità

A
A
A
di Finanza Operativa 2 Luglio 2018 | 16:30

A cura di Marco Vailati, Direttore Centrale Responsabile Ricerca e Investimenti di Cassa Lombarda
EZ: negativa la fiducia al consumo ma tengono quelle dell’industria e dei servizi. Il Cpi sale ma solo per l’energia
In settimana si è registrata una ripresa solo modesta della crescita di M3 a un valore però ancora inferiore al 4,5%, valore che la Bce ritiene compatibile con la stabilità dei prezzi nel medio periodo. Gli indici di fiducia dei vari operatori economici hanno registrato variazioni miste: incidono negativamente le crescenti tensioni commerciali internazionali e le incertezze politiche interne all’eurozona (Spagna, Italia ma anche Germania e frizioni nella gestione dei migranti), nonché i loro impatti sui mercati finanziari, ma rimangono di supporto la crescita economica mondiale, l’indebolimento dell’euro, il miglioramento degli utili e gli elevati livelli occupazionali. Finalmente sale il Cpi ma solo quello globale per l’impatto dell’energia, mentre i prezzi dei servizi addirittura calano, evidenziando l’opportunità che la Bce realizzi con molta gradualità la normalizzazione della sua politica monetaria.
US: Pil 1° trimestre limato ma di buona qualità. Da lavoro, benessere, fiducia, prezzi e attività ci sono indicazioni buone
Alla 3° revisione il Pil è stato rivisto al ribasso in linea al potenziale, prevalentemente per minor contributo di scorte e net export. La crescita dei consumi è ai minimi dal 6/13 (e anche a maggio crescono poco) compensati però da investimenti privati non residenziali ai massimi dal 9/14. Il mercato del lavoro si è confermato solido, a beneficio di benessere e fiducia ancora elevate nonché buona crescita del reddito. Sono arrivate indicazioni buone dagli indici di attività, con nuovi miglioramenti (Direttori acq. Chicago, Dallas e Richmond), conferme di livelli elevati (Kansas City) e solo un inatteso ritracciamento (Chicago Fed). Indicazioni miste invece dall’immobiliare, con aumento vendite nuove case e riduzione per quelle già esistenti, ma prezzi che mantengono la buona crescita annua. Gli ordini sono calati poco, mantenendo così una buona media bimestrale. I Pce hanno proseguito la crescita progressiva.
JN: indicazioni miste tra calo vendite, miglioramento occupazione, Cpi in recupero lento e produzione che tiene
Gli indici Anticipatore e Coincidente, che analizzano le condizioni generali del business, prospettiche e correnti, e per loro formazione “composta” sono a rilascio un po’ ritardato, si confermano a livelli storicamente elevati, più il Coincidente che l’Anticipatore, a indicare la continuazione di una crescita sopra potenziale ma anche che il massimo è stato forse raggiunto ed è probabile una stabilizzazione su livelli inferiori. Gli altri segnali, infatti, sono misti. Le vendite, con la variazione mensile peggiore dall’8/16, segnalano un indebolimento della domanda interna, che riduce le possibilità di rimbalzo del Pil dopo il calo del primo trimestre. Il mercato del lavoro invece fa nuovi record positivi. I Cpi aumentano ma restano lontani dai target della Banca del Giappone. La produzione industriale cala mantenendo però il bimestre positivo dopo che il 1° trimestre aveva interrotto la serie di sette periodi positivi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Cassa Lombarda, un primo semestre in salute

Consulenti finanziari, gli Etf possono essere la svolta per il portafoglio dei clienti

Etf, State Street e Cassa Lombarda uniscono le forze per un nuovo absolute return

NEWSLETTER
Iscriviti
X