Usa, Fed ottimista per inflazione al 2%

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 5 Luglio 2018 | 14:00

A cura di Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud AM

I dati relativi all’economia degli Stati Uniti continuano a essere favorevoli, con ulteriori segnali che indicano che l’inflazione sta gradualmente aumentando. I report pubblicati la scorsa settimana hanno mostrato che l’inflazione core PCE – l’indicatore preferito dalla Federal Reserve per misurare le pressioni sui prezzi sottostanti – ha raggiunto il 2%, ovvero il target ufficiale della banca centrale statunitense.

A nostro avviso, il fatto che l’inflazione stia raggiungendo l’obiettivo prefissato dalla Fed ha più di un mero valore simbolico, e potrebbe rafforzare la posizione di quei membri del FOMC che vogliono portare avanti la normalizzazione della politica monetaria e quindi procedere con il rialzo dei tassi d’interesse.

Per quanto riguarda l’economia, i dati sulla crescita del secondo trimestre restano solidi ed evidenziano che la sua composizione sta in qualche modo cambiando. In particolare, la spesa dei consumatori è più debole, mentre le esportazioni stanno migliorando. Sul fronte del commercio estero, le cifre di maggio mostrano un forte incremento dell’attività legata all’export (+2,1%). Ciò implica che il deficit della bilancia commerciale dal lato dei beni si è ristretto per tre mesi consecutivi, indicando che le esportazioni nette potrebbero contribuire positivamente alla crescita aggregata del PIL del secondo trimestre.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Allarme Usa: deficit commerciale al top, lo stimolo fiscale va all’estero

Investimenti, ecco quanto potranno crescere i tassi in scia al boom Usa

Mercati: Bitcoin sempre più simile all’oro. Parola della Fed

NEWSLETTER
Iscriviti
X