Ricerca Capital.com: con i limiti alla leva di ESMA, migliora l’attività dei trader

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 18 Luglio 2018 | 13:25

ESMA, l’Autorità Europea per la Sicurezza e i Mercati, dal prossimo 1° agosto ha imposto una riduzione sui livelli di leva offerti dai provider di Cfd. Capital.com, piattaforma leader per il trading di Cfd ha recepito già dallo scorso 1° giugno la direttiva, sui propri prodotti su materie prime, valute, criptovalute, azioni e indici. Questo ha consentito di effettuare la prima analisi dell’impatto dei livelli più bassi di leva finanziaria sul comportamento dei clienti e sulle performance degli scambi. Il risultato? Un significativo miglioramento dei risultati dei clienti.

La stragrande maggioranza degli utenti che si sono registrati sulla piattaforma di trading di Capital.com ha scelto i limiti inferiori di leva finanziaria imposti dall’ESMA. Confrontando le prestazioni dei clienti con i livelli di performance generali del settore pubblicati e con le prestazioni storiche dei clienti stessi, gli utenti che hanno utilizzato i limiti di leva inferiori hanno negoziato con maggiore successo ed erano significativamente meno propensi a esporsi al rischio di una margin call. Entro i primi quindici giorni di negoziazione, la percentuale di utenti che hanno subito una margin call è scesa a solo il 5% rispetto a circa il 30% nei mesi precedenti alla data in cui Capital.com ha introdotto i limiti dell’ESMA: a partire dal primo giorno di giugno, inoltre, la dimensione della perdita media è diminuita di oltre l’80%.
Ivan GowanCEO di Capital.com, ha così commentato i risultati della ricerca: “È estremamente incoraggiante constatare che i trader hanno risposto bene ai limiti di leva inferiori definiti dall’ESMA, riducendo il rischio e consentendo il trading con maggiore successo. C’è un punto di equilibrio da individuare, per consentire ai trader di trarre beneficio da una leva appropriata, senza però eliminare la loro passione per il trading di Cfd; ma la nostra analisi indica che i livelli teorizzati dall’ESMA sono sostanzialmente corretti nella pratica”.
L’ESMA ha definito una serie di misure sensibili, volte a proteggere i clienti retail da rischi insostenibili o non previsti, che entreranno in vigore dal 1 agosto 2018. Queste misure comprendono la protezione da saldo negativo (negative balance protection) per evitare che i clienti perdano più denaro di quanto ne abbiano investito, una protezione aggiuntiva, che consiste nella personalizzazione del close-out negli scambi e l’imposizione di livelli massimi di leva finanziaria, che riflettano la volatilità di ciascuna classe di attivo. Infine, l’ESMA ha imposto che la pubblicità non possa comunicare incentivi finanziari legati all’apertura di un conto e debba pubblicare uno specifico avviso di rischio, che indichi il tasso storico di successo del trading.
“Lungi dal danneggiare l’industria, come molti prevedevano, livelli di leva più bassi per i nuovi trader renderanno il mercato di Cfd più sostenibile, poiché un maggior numero di trader di successo si dedicheranno alla piattaforma da loro scelta per un maggiore periodo di tempo – continua Ivan Gowan – I provider di Cfd che faticano a muoversi in questo ambiente ulteriormente regolamentato stanno incoraggiando i trader a correre rischi insostenibili, e se non riescono a sopravvivere in un mercato che funziona meglio per il consumatore, allora anche il mercato funzionerà meglio senza di loro. Crediamo che i trader più sofisticati e con maggiore esperienza debbano essere messi nella condizione di compiere scelte consapevoli sui livelli di leva, ma i principianti ora possono operare con maggiore fiducia, grazie all’adozione di queste misure. Anche se noi abbiamo già introdotto queste misure, dal 1 agosto 2018 tutte le piattaforme di trading dovranno imporre questi livelli di leva, così da migliorare il tasso di successo del cliente e favorire la soddisfazione di tutta l’industria”.
“Mentre queste misure sono un ottimo punto di partenza per gli investitori retail, i provider di Cfd veramente responsabili dovrebbero concentrarsi sulla formazione e informazione dei propri clienti, per aiutarli a migliorare ulteriormente le loro competenze di trading – conclude il Ceo di Capital.com – In questo senso, sarebbe utile dar loro consigli sul mercato a cui sono interessati, piuttosto che fornir loro commenti casuali. Noi vogliamo che i nostri utenti abbiano piacere di fare trading sul lungo termine, e crediamo che il modo migliore per garantire questo risultato sia assicurare un’ottima user experience e aiutarli a fare trading con successo”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Calma pre-pasquale, ma l’oro va tenuto d’occhio

Petrolio ed S&P500, continua il trend positivo

Stallo su Brexit e prese di beneficio sull’azionario Usa. Oro sotto pressione?

NEWSLETTER
Iscriviti
X