Poste Italiane al test della resistenza statica

A
A
A
di Finanza Operativa 26 Luglio 2018 | 16:00

Poste Italiane è di recente risalita a testare a 7,88 euro la resistenza statica che dalla seconda metà dello scorso maggio impedisce al titolo di allungare il passo. Tecnicamente però l’impostazione attuale favorisce il sorpasso di questo ostacolo: i volumi sono in ascesa, le medie mobili a 21 e 50 giorni si sono incrociate al rialzo il 24 luglio a 7,488 e i primcipali indicatori non sono ancora in territorio di ipercomprato.

Dal punto di vista operativo i prossimi target sono individiabili in prima battuta in zona 8,05/8,07, poi a 8,23 e ancora, dopo una probabile fase laterale di consolidamento di breve termine, sul top storico a 8,436. Attenzione però: è essenziale posizionare uno stop loss molto rigido a quota 7,67 dove è posto un supporto statico di breve periodo al di sotto del quale si profilerebbe l’inizio di un movimento correttivo.     G.R.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi e gestioni, Poste insegue Intesa e BlackRock

Poste, un boccone di Eurizon Capital RA da Intesa

Poste Italiane, aumenti in vista per il personale

NEWSLETTER
Iscriviti
X