Svezia, l’economia cresce più del previsto. Corona sugli scudi contro euro

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 30 Luglio 2018 | 14:00

A cura di Xtb

L’economia svedese si è espansa a un ritmo molto più rapido di quanto previsto in tre mesi fino a giugno. La robusta crescita è alla base della probabile stretta monetaria entro la fine dell’anno. Detto questo, le pressioni inflazionistiche interne rimangono abbastanza contenute guardando al deflatore del PIL. Ad ogni modo, il SEK (la corona svedese) è balzato subito dopo il rilascio raggiungendo il livello più alto contro la valuta comune dal 9 luglio.


La crescita del PIL nel secondo trimestre ha superato facilmente le aspettative. Fonte: Macrobond, XTB Research

L’economia svedese ha registrato un aumento dell’1% su base trimestrale e del 3,3% su base annua nel secondo trimestre, superando le aspettative che indicano rispettivamente lo 0,5% e il 2,4%. I dettagli del comunicato mostrano che la spesa per consumi è stata il principale motore del ritmo decente di crescita, raggiungendo il 4,8% anno su anno, mentre la spesa per investimenti si è lievemente ridotta al 7,5% dall’8,8% dei primi tre mesi. I dati rivelano che la Svezia, analogamente ad altre economie sviluppate, ha visto la crescita crescere prevalentemente a causa del consumo, che potrebbe essere piuttosto incoraggiante, soprattutto se si tiene conto della crescita dei salari reali relativamente dormienti. Va detto che l’economia scandinava ha visto ancora 20 trimestri consecutivi di crescita, il che ha spinto l’occupazione al livello più alto a livello record e il debito pubblico ai minimi dal 1977.


Il deflatore del PIL indica pressioni inflazionistiche interne sommesse. Fonte: Macrobond, XTB Research

Inoltre, il tasso di crescita attuale è chiaramente al di sopra del livello sostenuto stimato dalla Riksbank al 2,2% in questo e nell’anno successivo. Dato che la crescita della produttività rimane piuttosto debole, si può supporre che il PIL potenziale non risulti accelerato in particolare nei prossimi anni, il che implica che l’economia sarà al di sopra del livello sostenuto per qualche tempo, il segnale di un aumento delle pressioni inflazionistiche interne. Ciononostante, la crescita dei prezzi interni misurata attraverso il deflatore del PIL è stata finora relativamente modesta. Nel secondo trimestre ha totalizzato l’1,9% su base trimestrale e l’1,5% su base annua. In entrambi i casi, gli effetti base hanno avuto un ruolo in quanto il numero trimestrale è stato tendenzialmente rialzista mentre il numero annuale al ribasso. Tenete a mente che la banca centrale svedese ha recentemente segnalato che un rialzo dei tassi potrebbe avere luogo verso la fine dell’anno e che la crescita del PIL al di sopra del suo livello sostenuto agisce senza dubbio a favore di una tale mossa. La probabilità di un aumento di 25 punti base aleggia intorno al 34% questa mattina.

L’EUR/SEK si è mosso significativamente verso il basso dopo la pubblicazione del PIL. Tuttavia, i Tori non sono stati in grado di interrompere il supporto localizzato a 10.22 (i due ritracciamenti sono alla base anche di questo livello). Un’ultima disaggregazione di quest’area potrebbe comportare ulteriori cadute e spingere la coppia ai supporti successivi alle 10.10 e alle 10.00. Fonte: xStation5

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il coronavirus non mette i mercati in quarantena: “Fondamentali solidi”

Euro favorito contro il franco

La Corona Ceca ed il divorzio dall’euro

NEWSLETTER
Iscriviti
X