Negli Stati Uniti son tutti contenti. E dalle nostre parti?

A
A
A
di Redazione 18 Maggio 2009 | 09:30
Siamo finalmente in dirittura d’arrivo della settimana, il Wall Street Journal ci informa che il Tesoro americano si prepara a rendere disponibili fondi per 22 miliardi di dollari per le compagnie assicurative nell’ambito del Troubled Asset Relief Program (Tarp), l’indice della fiducia degli americani, calcolato da Reuters e dall’Universita’ del Michigan, a maggio e’ salito a 67,9 in base alla lettura preliminare da 65,1 di aprile.

Ovviamente il dato e’ migliore delle solite previsioni degli  economisti che indicavano un rialzo dell’indice a quota 67.

Insomma, negli Stati Uniti son tutti contenti. E dalle nostre parti ?

Leggo ora che, secondo un sondaggio realizzato dal dall’istituto Forsa e pubblicato oggi dal quotidiano Die Welt, un terzo dei tedeschi e’ stressato e ben l’80% della popolazione giudica la propria vita stressante e mi consolo.

Secondo un mio sondaggio personale il 100% di quelli che per professione o scelta operano sui mercati in questo periodo sono molto stressati. Le indicazioni provenienti dall’analisi settoriale del mercato azionario (in allegato) sono favorevoli alla prosecuzione del trend rialzista. Le indicazioni che arrivano dal mondo reale, a parte l’ottimismo made in USA sono di segno opposto.

A chi credere?

L’indice paneuropeo DJ STOXX 600 alle ore 19:00:04 guadagna il 0.605%

I migliori settori classificati dal modello di analisi sono Banks, General Financial (+2 Posiz.), Mining, Life Insurance (-2 Posiz.), Technology Hardware & Equipmen (+9 Posiz.)

In coda alla classifica troviamo Tobacco, Real Estate (-19 Posiz.), Leisure Goods, Fixed Line Telecommunications (-3 Posiz.), Industrial Metals (-13
Posiz.)

Nei primi 10 settori piu’ forti si mettono in evidenza i titoli SACYR VALLEHERMOSO SA (Construction & Materials) in sostituzione di HEIDELBERGCEMENT AG, CHARTER INTERNATIONAL PLC (Industrial Engineering) in sostituzione di VESTAS WIND SYSTEMS A/S, SAIPEM (Oil Equipment, Services &
Dist) in sostituzione di PETROLEUM GEO-SERVICES

Nei primi 10 settori piu’ deboli si segnalano negativamente PHILIPS ELECTRONICS NV (Leisure Goods) in sostituzione di UBISOFT ENTERTAINMENT, CENTRICA PLC (Gas, Water & Multiutilities) in sostituzione di GDF SUEZ

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X