Gli Usa possono vincere la guerra commerciale?

A
A
A
di Finanza Operativa 9 Agosto 2018 | 18:30

di Tim Drayson, Head of Economics di Legal & General Investment Management

 L’escalation delle tensioni commerciali è il rischio più grande per la crescita globale nel breve termine. Fino a che punto gli investitori dovrebbero davvero preoccuparsi?

 Fino all’inizio di quest’anno, i mercati vedevano di buon occhio il Presidente americano Donald Trump. Gli stimoli fiscali e l’azione di deregulation, in effetti, hanno permesso di sostenere la crescita, sebbene ci chiediamo se i primi possano davvero rappresentare una politica efficace a livello macro nel medio periodo.

 Negli ultimi mesi, tuttavia, i mercati sono diventati sempre più nervosi rispetto all’agenda protezionista dell’amministrazione Trump. È molto difficile stabilire fino a che punto possa arrivare la loro tolleranza. Finora, abbiamo assistito a ritorsioni proporzionali per ogni misura intrapresa dagli USA e vi sono segnali che indicano che l’amministrazione americana è preparata a regolare la propria retorica e il proprio indirizzo politico in caso di scossoni del mercato azionario.

 Piuttosto che provare a ipotizzare come tutto ciò andrà a finire, possiamo almeno tentare di fornire qualche numero sull’impatto diretto della crescita delle barriere commerciali. Tuttavia, sottolineiamo fin da subito che l’aspetto circondato da più incertezza è quello degli effetti indiretti: le condizioni finanziarie e il sentiment potrebbero essere scossi da cambiamenti che modificassero l’ordine del commercio globale.

 Finora sono stati introdotti dazi sull’acciaio, alluminio, legname, pannelli solari e lavatrici, fondati su esili motivazioni legate alla sicurezza nazionale e ad altre oscure leggi commerciali. I più alti costi delle importazioni hanno probabilmente fatto più danno agli utilizzatori di queste merci rispetto al valore dei posti di lavoro “salvati” nei settori protetti, ma l’impatto macroeconomico complessivo è minimo. Tutti i prodotti nel loro insieme rappresentano solo una piccola quota dell’economia americana (non più dello 0.2% del PIL).

 In risposta alle indagini circa l’ipotizzato furto di proprietà intellettuale americana da parte della Cina, dal 6 luglio sono entrati in vigore i dazi del 25% su 34 miliardi di dollari americani di importazioni cinesi.  E si sta discutendo su misure per ulteriori 16 miliardi.

 In questo primo elenco non rientrano molti beni di consumo. La Cina ha annunciato che reagirà in modo proporzionale e all’interno di aree specifiche per infliggere le più aspre conseguenze agli USA. Eppure, a nostro avviso, è improbabile che l’impatto diretto sulla crescita superi lo 0.1%-0.2% del PIL. Si potrebbe pure aggiungere uno 0.1% all’Indice Consumer Price core ma anche in questo caso si dovrebbe supporre che gli USA non riescano, con buona facilità, a procurarsi o produrre i beni altrove. Secondo le previsioni, gli Stati Uniti cresceranno circa del 3% nel 2018, pertanto questo lieve impatto non sarà molto significativo. Le nostre previsioni si basano sul fatto che la guerra commerciale raggiungerà una fragile tregua intorno a questi livelli di dazi, ma temiamo che possa peggiorare nella corsa alle elezioni americane di medio termine a novembre.

 Ma non basta: Trump sta inoltre minacciando dazi per ulteriori 200 miliardi di dollari americani se la Cina continua a minacciare reazioni. Ciò coprirebbe virtualmente tutti i 500 miliardi di dollari di beni cinesi esportati verso gli USA e determinerebbe un aumento dei prezzi su beni di consumo di elevato profilo come TV e cellulari. Più la situazione peggiorerà, più v’è il rischio che gli effetti indiretti crescano in maniera sproporzionata, vista la possibilità di una reazione negativa del mercato finanziario e le possibili conseguenze sulla fiducia delle imprese e dei consumatori.

Trump può vincere una guerra commerciale?

 La Cina non può replicare alla minaccia di Trump dollaro per dollaro, in quanto il valore delle sue importazioni di merci americane è solo di 150 miliardi di dollari. Tuttavia il deficit commerciale viene meno se se si considerano le filiali commerciali statunitensi in Cina, come mostra il grafico seguente.

 

 

Non è chiaro fino a che punto Trump ostacolerà gli investimenti cinesi in alcune tecnologie americane, ma la Cina può rispondere colpendo le società a stelle e strisce che operano al suo interno.

 Ritardi, controlli fiscali e maggiori controlli normativi sono possibili con “bersagli facili” come Hollywood e le società farmaceutiche americane. La Cina si è inoltre dimostrata molto efficace in passato nel creare una macchina della propaganda per incoraggiare il boicottaggio delle importazioni di merci americane o anche i viaggi verso gli USA. Mentre l’impatto negativo sul PIL cinese di una guerra commerciale di rappresaglia è circa il doppio di quello USA (poiché è un’economia più ristretta e aperta di quella americana), il Paese sta crescendo almeno al doppio della velocità. Inoltre la Cina probabilmente ha a disposizione più strumenti politici per compensare gli shock della domanda. Senza escludere la possibilità che la politica del paese diventi di nuovo più reflazionistica, in risposta a un potenziale shock negativo della domanda da parte del settore commerciale.

 

Nel complesso, temiamo la carenza di influenze moderate nell’amministrazione americana e molto dipenderà da come la Cina percepirà le motivazioni degli Stati Uniti. Se la strategia di Trump è solo quella di una negoziazione parziale, si potrebbe trovare un compromesso che potrebbe anche migliorare il sistema commerciale globale. Se tuttavia l’obiettivo è più strategico e orientato a frenare la crescita della Cina come potenza globale, Pechino prenderà una posizione molto più rigida contro qualsiasi prepotenza americana. Per questo motivo e visto l’aumento dei prezzi del petrolio, riteniamo che vi siano rischi di un forte ribasso per la crescita globale rispetto al momentum attuale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati emergenti oltre il protezionismo

Robeco: dove cercare rendimenti nell’era del protezionismo

Dazi, uno tsunami di protezionismo per un nuovo ordine mondiale

NEWSLETTER
Iscriviti
X