Usa, Cina e dollaro neozelandese: la view di Xtb

A
A
A
di Finanza Operativa 9 Agosto 2018 | 13:00

A cura di Xtb
Il dollaro USA sta restituendo i suoi precedenti guadagni, mentre gli indici cinesi sono scambiati misti al mattino, nonostante un’altra sessione robusta a Wall Street. L’evento principale della sessione asiatica è venuto dalla Cina in quanto la data commerciale di luglio è stata pubblicata. Si noti che i numeri sono la prima intuizione sulla nuova realtà dopo che le tariffe statunitensi su 34 miliardi di dollari di merci cinesi sono entrate in vigore il 6 luglio.
Il surplus commerciale complessivo è sceso a $ 28,05 miliardi da $ 41,47 miliardi in meno rispetto alla stima mediana suggerendo un avanzo di $ 39,05 miliardi. Le importazioni sono state il principale motore di questa cifra, salendo addirittura del 27,3% dal 14,1% e superando facilmente le previsioni al 17%. Allo stesso tempo, le esportazioni sono cresciute del 12,2% dall’11,2% in precedenza e sono riuscite a battere il consenso al 10%. Questi numeri potrebbero essere davvero interessanti in quanto mostra che le esportazioni sono aumentate nonostante i prezzi, poiché il loro impatto potrebbe essere stato alleviato dallo yuan in calo.
In questo luogo vale la pena guardare indietro alle riserve valutarie cinesi mostrando un cambiamento trascurabile a luglio nonostante il fatto che lo yuan stesse diminuendo. Suggerisce che le autorità cinesi non erano troppo preoccupate per il suo crollo in quanto ha contribuito a placare l’effetto negativo delle tariffe statunitensi. Alla fine della giornata, un surplus commerciale con gli Stati Uniti è diminuito solo moderatamente a $ 28,09 miliardi da un record di $ 28,97 miliardi.

Il surplus commerciale cinese si è ridotto a luglio, ma il crollo di un surplus con gli Stati Uniti si è rivelato molto inferiore. Fonte: Bloomberg
La datazione al commercio cinese è arrivata dopo che gli Stati Uniti avevano annunciato che avrebbe imposto il 25% di dazi su ulteriori $ 16 miliardi di importazioni cinesi in due settimane. I dettagli hanno svelato che le dogane raccoglieranno i dazi su 279 linee di prodotti (tra cui motocicli o turbine a vapore), in calo da 284 voci nell’elenco iniziale. I nuovi prelievi entreranno in vigore il 23 agosto. Lasciate che come ricordano che questa è la parte restante di $ 50 miliardi al pacchetto all’inizio Stati Uniti ha annunciato di questo mese (34 miliardi di dollari dai dazi sulle merci il 6 luglio a calci in $ 16 miliardi, mentre Erano successiva rinviata fino ad oggi). Tieni a mente che accanto a queste tariffe gli Stati Uniti stanno ancora rimuginando sulle nuove restrizioni commerciali – con una tariffa del 10% su 200 miliardi di dollari di beni importati dalla Cina, mentre il tasso potrebbe essere addirittura portato al 25%.
Stamattina (quasi) il raggiungimento della sua parte inferiore del consolidamento dell’EUR / USD è in ripresa. Si può supporre che questa mossa possa essere estesa fino a 1.1750, dove i tori potrebbero nuovamente ammettere la sconfitta.
Avvicinandosi alle principali valute, il dollaro neozelandese si stacca di più guadagnando quasi lo 0,3% rispetto al biglietto verde, che potrebbe essere ascritto ai nuovi dati relativi alle aspettative di inflazione. Secondo la RBNZ, le aspettative sull’inflazione a 1 anno e a 2 anni sono aumentate nel terzo trimestre. Il precedente indicatore è salito all’1,86% dall’1,8%, mentre quest’ultimo è salito al 2,04% dal 2,01%. In generale, i dati non portare troppo in termini di pressioni inflazionistiche interne sia pure questo potrebbe essere un punto importante da guardare in serata dichiarazione esta del RBNZ (la dichiarazione dalla riunione di agosto della RBNZ sarà rilasciato alle 10:00 pm BST) .
A sua volta, il dollaro australiano è scambiato tra le valute più deboli, ma è ancora in controtendenza, in seguito ai commenti della Reserve Bank of Australia Lowe. Il governatore ha ribadito che non vi sono forti ragioni per una mossa del tasso di interesse a breve termine che suggerisca che la prossima mossa sarà probabilmente in aumento se l’economia si evolverà come previsto. Ho aggiunto che i tempi di una mossa dipendono dal fatto che la disoccupazione e l’inflazione si spostano verso il centro dell’intervallo di riferimento. Lowe ha anche ammesso che un’escalation della guerra commerciale potrebbe essere dannosa per l’economia globale.

Il NZDUSD si sta riprendendo dalla sua area di supporto locale e se si muoverà attraverso la sua zona di approvvigionamento locale potrebbe continuare a marciare più in alto verso 0,6850. Si noti che il dollaro neozelandese è posto tra le valute più vendute in eccesso in base ai dati CFTC. Fonte: xStation5

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, commodity: le divergenze tra oro e petrolio e gli Etc a Piazza Affari

Mercati, Euro in cerca di un valido supporto dopo le parole di Powell

Forex, Euro ancora debole e apatico. I target da monitorare

NEWSLETTER
Iscriviti
X