Nessun nuovo aumento dei tassi nel 2018, nonostante ottimismo BoE

A
A
A
di Finanza Operativa 10 Agosto 2018 | 17:30

A cura di Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud Am
I dati delle rilevazioni di luglio indicano un inizio più debole nel terzo trimestre, con letture più basse delle principali indagini PMI che suggeriscono un’attività meno intensa per quanto riguarda i servizi, ma anche nel settore industriale. Nonostante un elemento positivo – l’espansione dell’attività edilizia – la fiducia dei consumatori è scesa al di sotto del suo livello medio a lungo termine.
Nel complesso, le ultime indagini indicano un tasso di crescita del PIL inferiore allo 0,4% t/t – inferiore rispetto alle previsioni ufficiali della Bank of England, che prevedono una crescita superiore allo 0,4% nei prossimi trimestri. In generale, riteniamo che le ultime previsioni macroeconomiche della BoE siano ottimistiche. Ad esempio, l’anno prossimo la crescita del PIL è stata rivista all’1,8% (+0,1 punti percentuali), mentre la differenza fra il PIL effettivo e quello potenziale dovrebbe essere positiva l’anno prossimo, salendo allo 0,5% nel 2020, in linea con un calo del tasso di disoccupazione al 3,9%.
Se queste previsioni dovessero rivelarsi corrette, la banca centrale dovrebbe inasprire la politica monetaria molto più rapidamente di quanto attualmente previsto. Non crediamo in uno scenario macroeconomico così ottimistico a breve termine e non prevediamo ulteriori aumenti dei tassi bancari nel corso dell’anno.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, Fed e BoE: stesse sfide ma scelte diverse

Mercati, Forex: Sterlina in crisi e non solo per colpa della Brexit

Asset allocation, obbligazioni: le differenze che occorre considerare

NEWSLETTER
Iscriviti
X