Fib in cerca di un valido livello di supporto

A
A
A
di Finanza Operativa 10 Agosto 2018 | 18:00

La crisi turca inasprita dalle sanzioni Usa ha accelerato il crollo della lira turca, la moneta locale, e spinto al ribasso i titoli delle società europee che hanno attività in quel Paese, a cominciare da Unicredit che controlla la quarta banca locale. In questo scenario il Fib, il future sull’indice Ftse Mib con scadenza settembre, ha violato oggi in rapida sequenza prima il supporto statico posto a 21.490 punti, poi il secondo target ribassista inidcato nell’articolo di ieri in area 21.300, quindi è sceso anche al di sotto del supporto statico di medio periodo in area 21.200/21.025. Un livello quest’ultimo che rappresentava un importante baluardo, visto che coincideva con il limite inferiore dell’ampio trading range che caratterizza l’andamento del derivato dalla dine dello scorso mese di maggio (son limite superiore in zona 22.500).

Di conseguenza, dal punto di vista operativo solo l’eventuale conferma del ritorno al di sopra dei 21.025 favorirebbe un credibile tentativo di rimbalzo con obiettivi a 21.300 prima, 21.500 poi e ancora in zona 21.700, dove transita la trendline discendente di medio periodo. Per contro, si profilerebbe una nuova discesa del derivato verso 20.800 prima e 20.500 in seguito.      G.R.


 
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: Fib, Dax ed Euro Stoxx 50 future avanti a marcia ridotta

Mercati: Fib, Dax ed Euro Stoxx 50 future restano in stand-by

Mercati: Fib, Dax ed Euro Stoxx 50 future al test della medie mobili

NEWSLETTER
Iscriviti
X