UE, delude la produzione industriale ma la domanda interna sostiene la crescita

A
A
A
di Finanza Operativa 17 Agosto 2018 | 15:00

A cura di Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud AM

Mentre la crescita del secondo trimestre suggerisce un certo miglioramento dell’attività economica complessiva dell’Eurozona – dopo un primo trimestre poco brillante – gli ultimi dati sulla produzione industriale sono deludenti. Per quanto riguarda l’andamento del PIL nell’ultimo trimestre, un elemento positivo è che la crescita in Germania e nei Paesi Bassi è migliorata in giugno. Meno positiva è stata invece la performance della Francia.

Per quanto riguarda la produzione industriale, la flessione di giugno è chiaramente poco incoraggiante e gli indicatori prospettici non segnalano miglioramenti significativi. Ad esempio, le previsioni degli ordini industriali dalla Germania segnano un calo significativo (-4% di m/m), con una notevole debolezza derivante dagli ordini esteri, in particolare al di fuori dell’area euro e in settori sensibili come quello automobilistico e dei mezzi di trasporto.

Anche se questo potrebbe essere un segno che i conflitti commerciali cominciano ad avere un impatto, vorremmo mettere in guardia contro un’interpretazione troppo allarmistica di questo dato. Altre indagini indicano una stabilizzazione della crescita, che è il nostro scenario di base, e la domanda interna dovrebbe sostenere la crescita nella seconda metà dell’anno.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, la Commissione Europea taglia stime crescita

Asset allocation, frena la crescita Usa: ecco cosa fare secondo Integrae Sim

Investimenti: ecco i tre temi cruciali da monitorare nei prossimi mesi

NEWSLETTER
Iscriviti
X