Commodity agricole, lo spread tra grano e mais inverte rotta

A
A
A
di Finanza Operativa 21 Agosto 2018 | 12:30

A cura di Mazziero Research

Lo spread fra grano e mais ci segnala in modo inequivocabile un cambio della dinamica nei prezzi degli agricoli, modificando in modo incisivo la futura evoluzione delle quotazioni. Superando il livello di equilibrio di 150 e muovendosi velocemente verso 200, lo spread indica un aspetto che non si vedeva da diverso tempo: l’abbondanza di frumento sta lasciando posto a un mercato più sottile, che potrebbe a un certo punto diventare addirittura vulnerabile qualora alcuni avvenimenti climatici dovessero assumere livelli estremi.

Al momento non sappiamo se lo spread fra grano e mais resterà per un po’ di tempo appena al di sopra del livello di equilibrio, come è successo tra il 2014 e il 2015, o si amplierà notevolmente avvicinandosi a valori estremi, come è accaduto tra il 2007 e il 2008 (si veda il grafico), certamente è abbastanza plausibile che da qui in avanti la dinamica dei prezzi sarà più volatile, ma anche più robusta rispetto a quella del mais. E tutto ciò accadrà con ancor più vigore in Europa dove le quotazioni del Matif già evidenziano una notevole spinta rialzista, che nel contempo traina anche il mais.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, il clima impazzito spinge le quotazioni dei cereali. Tutti gli Etc a Milano

Tentori (Axa): “Attenzione al legame fra materie prime, inflazione e disuguaglianza”

Uragano Laura, le commodity in fibrillazione e gli Etc a Piazza Affari

NEWSLETTER
Iscriviti
X