Svizzera, rallenta il commercio con estero

A
A
A
di Finanza Operativa 22 Agosto 2018 | 14:00

Dopo una fase di ristagno nel mese precedente, secondo quanto riportato dal sito della Rsi, sia le esportazioni che le importazioni svizzere sono calate a luglio. In termini destagionalizzati si è registrata una diminuzione rispettivamente del 3,0% (a 18,21 miliardi di franchi) e del 2,8% (a 17,05 miliardi). Lo sviluppo negativo del settore chimico-farmaceutico ha gravato sui risultati complessivi di ambedue le direzioni di traffico, stando ai dati dell’Amministrazione federale delle dogane.

Cresce ancora, in controtendenza, il settore orologiero, che su base annua ha aumentato le vendite all’estero del 6,6% a 1,8 miliardi di franchi. Quello di Hong Kong è stato il mercato più importante per il settore, con esportazioni per 260 milioni di franchi (+27% su base annua). A registrare la crescita maggiore è stato l’export di orologi al di sotto dei 200 franchi, subito seguito da quello al di sopra dei 3’000. L’unica fascia ad aver subito un lieve calo è quella il cui prezzo è compreso tra i 200 e 500 franchi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, l’insostenibile peso delle pressioni commerciali

Commodity: è la Svizzera la capitale mondiale del commercio

Negozi monomarca, cambiare per sopravvivere

NEWSLETTER
Iscriviti
X