Il Kiwi balza sulle vendite al dettaglio, Usa e Messico si avvicinano con il “contratto NAFTA”

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 22 Agosto 2018 | 13:00

A cura di XTB
Mercati azionari asiatici sono scambiati misti mercoledì nonostante il fatto che la SP500 (US500 su xStation5) ha superato ieri il suo massimo storico da gennaio di quest’anno. Tuttavia, l’indice statunitense non è stato in grado di mantenere questi guadagni e, di conseguenza, ha chiuso a solo lo 0,2% (al di sotto del massimo storico). Anche altri indici si sono mossi più in alto con il NASDAQ (US100) con lo 0,5% e il Dow Jones (US30) con uno 0,25%. Nel complesso, la migliore performance dei titoli statunitensi deriva, almeno in parte, dalle riduzioni delle imposte attuate alla fine dello scorso anno che hanno aiutato le aziende a migliorare la propria redditività – la seconda stagione degli utili ha offerto una conferma di tale riflessione.

Le vendite al dettaglio sono aumentate nel secondo trimestre, ma la tendenza sottostante rimane debole. Fonte: Bloomberg
 
Nel frattempo, sul fronte FX, il dollaro neozelandese è di gran lunga la valuta principale con le migliori performance stamattina, con un rialzo di quasi lo 0,4% rispetto al biglietto verde delle 6:45 am BST. Il motivo principale, insieme al miglioramento della propensione al rischio, sono i dati sulle vendite al dettaglio per il secondo trimestre che hanno infranto le aspettative a 1,1% QoQ (in termini reali), mentre il consenso prevedeva solo un aumento dello 0,3% QoQ. I dettagli hanno dimostrato che i volumi di vendita sono stati registrati in 11 delle 15 industrie al dettaglio con forniture di hardware, edifici e giardini con il maggiore incremento del 4,7% dopo il primo trimestre negativo – 0,6%.
Anche se i dati potrebbero essere trattati come un sollievo tanto atteso per il dollaro neozelandese, ciò non cambia lo scenario generale relativo alla politica monetaria. Secondo le aspettative del mercato, c’è una probabilità del 15% di tagliare i tassi fino a febbraio 2019. Pertanto, i dati nazionali potrebbero svolgere un ruolo minore nel prossimo futuro e la valuta potrebbe essere più suscettibile alle mosse dovute a fattori esterni.

Tecnicamente il NZDUSD sta cercando di tornare sopra a 0,6700 o giù di lì, e se riesce a farlo con successo, potrebbe consentire ai tori di guardare altri ostacoli. Fonte: xStation5
 
Oltre al dollaro neozelandese, sia il CAD che l’MXN meritano maggiore attenzione in quanto hanno registrato una leggera volatilità aumentata questa mattina a causa del titolo NAFTA. In primo luogo entrambe le valute hanno guadagnato un punto d’appoggio dopo un articolo di Politico. Ha detto, citando tre fonti vicine ai colloqui, che gli Stati Uniti avrebbero annunciato un accordo di “stretta di mano” con il Messico non appena giovedì. Ciononostante, il Messico ha negato l’esistenza di tale accordo affermando che anche se entrambi i paesi avessero fatto qualche passo in avanti, gli ostacoli principali sono rimasti in piedi. Nota che avere un accordo tra Stati Uniti e Messico è un prerequisito per riportare il Canada al tavolo.
Ci sono anche congetture sul fatto che il momento in cui l’accordo potrebbe essere annunciato potrebbe dipendere dal modo in cui una riunione di alto livello programmata per mercoledì andrà tra il rappresentante del commercio americano Robert Lighthizer e il ministro dell’Economia messicano Ildefonso Guajardo. Mentre il CAD ha già cancellato tutti i suoi guadagni, il peso messicano continua a scambiare quasi lo 0,5% in più rispetto al dollaro USA alle 7:03 am BST.
Infine, citiamo alcune osservazioni rilasciate da Donald Trump martedì in merito a una guerra commerciale. Il presidente degli Stati Uniti ha detto che il paese sta per applicare una tariffa del 25% su ogni auto proveniente dall’Unione europea. Nel frattempo, il segretario al Commercio Wilbur Ross ha detto prima del discorso di Trump che aveva posticipato una scadenza di agosto per pubblicare un rapporto sulle tariffe automobilistiche. Si noti che Trump ha chiesto al Dipartimento del Commercio a maggio di esaminare se tali dazi sono minacce alla sicurezza nazionale. Riassumendo, mentre le case automobilistiche europee possono sentirsi sollevate per il momento, il filo delle tariffe automatiche rimane tra i principali argomenti di una guerra commerciale come una possibile limitazione per prestazioni migliori delle case automobilistiche europee, specialmente quelle tedesche.

Mentre la SP500 (US500) è riuscita a registrare il suo record di tutti i tempi martedì (non è stato il caso quando si tratta di futures), il Dow Jones (US30) ha disegnato una stella cadente vicino al suo importante livello tecnico. Tuttavia, supponendo che i tori della SP500 si muovano attraverso la loro resistenza, potrebbe anche incoraggiare gli investitori ad aumentare la loro lunga esposizione altrove. Fonte: xStation5

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Maiani (Siat): “Le opportunità sul Forex ora non riguardano l’Euro”

Maiani (Siat): “Pausa di riflessione per l’Euro Index”

Forex, Maiani (Siat): “L’Euro Index rischia un pullback down”

NEWSLETTER
Iscriviti
X